Bastia: impianto a biogas, Ansideri chiede alla ditta un passo indietro

Stefano Ansideri 13/01/2012 -

In relazione alle prese di posizione ed alle segnalazioni di cittadini residenti a Costano, contrarie all’insediamento di un impianto a biogas, per la produzione di energia elettrica, nel territorio della frazione adiacente al depuratore fognario di Assisi e Bastia Umbra, il Sindaco Stefano Ansideri, a nome dell’Amministrazione comunale, ha manifestato l’intenzione di accogliere le richieste dei cittadini e di invitare l’impresa, che ha presentato il progetto di impianto, a rinunciare a questo proposito.



Una decisione di rispetto nei confronti di questi cittadini, che appaiono determinati ad opporsi alla realizzazione dell’impianto nel sito indicato, ritendendolo più un danno che un’opportunità economica e di lavoro per la comunità locale.
“Ciò non significa che io abbia cambiato opinione – precisa il Sindaco Ansideri – sono tuttora convinto della bontà del progetto, ma consapevole che un’iniziativa di questo genere è bene che nasca in un clima di condivisione, piuttosto che di contrapposizione”.
Da rilevare, inoltre, che le normative nazionale e regionale in materia – in modalità semplificata - non conferiscono all’Amministrazione comunale potestà autorizzativa per impianti di questo genere, la quale è invece attribuita ad una Conferenza di Servizi, alla quale partecipano ventuno Enti, sia territoriali che di servizi.

Foto di testata:
il sindaco di Bastia Umbra Stefano Ansideri






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-01-2012 alle 18:07 sul giornale del 14 gennaio 2012 - 929 letture

In questo articolo si parla di attualità, biomasse, biogas, stefano ansideri, bastia umbra, comune di bastia umbra, costano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/tUr