Piatto di Sant'Antonio: i priori entranti e le foto del giorno più bello dell'anno

Piatto di Sant'Antonio 2012 3' di lettura 23/01/2012 -
Una Santa Maria degli Angeli vestita a festa, come nelle migliori occasioni, ha accolto centinaia e centinaia di persone, accorse insieme a un esercito di animali domestici per rinnovare l’appuntamento con la tradizione del Piatto di Sant’Antonio, che ieri, domenica 22 gennaio, ha vissuto la sua giornata più importante.

Iniziata di buon mattino, la domenica del Santo si è aperta nella centralissima piazza Garibaldi, dove fin dalle 8.30 hanno sfilato macchine, moto, trattori e carrozze d’epoca per il raduno di veicoli che sono stati poi esposti lungo via Patrono d’Italia e via Los Angeles.
Alle 9.30 la piazza ha accolto decine e decine di priori dai mantelli di velluto color ebano, porpora e malva, i quali si sono poi incamminati in corteo fino alla basilica papale, dove alle 10 ha avuto inizio la celebrazione solenne durante la quale i priori serventi hanno passato il testimone ai priori entranti, che il prossimo anno organizzeranno la festa. Questi i nomi dei nuovi priori: Alessandro Bacchi, nominato da Giuseppe Caforio; Franco Brunozzi, nominato da Michele Siculi; Andrea Giommi, nominato da Gaspare Genovesi; Bruno Pasquini, nominato da Simone Cipolla; Domenico Pelagatti, nominato da Angelo Moccaldo; Marco Santucci, nominato da Mauro Rapo; Tommaso Di Salvo, nominato da Massimiliano De Tomaso; Emanuele Bececco, nominato da Riccardo Parrini; Giuseppe Vissani, nominato da Giancarlo Menichelli; Luca Pastorelli, nominato da Stefano Nodessi; Roberto Tomassini, nominato da Francesco Nizzi; Mirco Conversini, nominato da Corrado Martellini.

Al termine della messa una lunga processione si è incamminata per le vie cittadine, percorrendo le strade principali del centro storico per poi far ritorno alla basilica, dove il parroco ha benedetto il corteo degli animali e il pane, poi distribuito dai priori ai presenti, come da tradizione. Al lungo corteo hanno preso parte rappresentanze a cavallo delle varie forze dell’ordine, decine e decine di priori, che negli anni hanno fatto la storia del Piatto. Ad accompagnare il gonfalone del Comune di Assisi il sindaco Claudio Ricci, il presidente del consiglio comunale Patrizia Buini, gli assessori Lucio Cannelli, Moreno Massucci e Moreno Fortini, i consiglieri Walter Almaviva e Rino Freddii. Presenti fra i priori anche il vicesindaco Antonio Lunghi e i consiglieri Daniele Martellini e Luigi Marini.

A pranzo e a cena i ristoranti aderenti hanno servito agli ospiti il tradizionale Piatto di Sant’Antonio. Il piatto, storicamente nato e distribuito come pranzo per i poveri, in passato consisteva in una razione di maccheroni, due fette di carne in umido, quattro salsicce, due polpette, pane, mezzo litro di vino e due mele. Oggi il piatto di S. Antonio viene consumato, ogni domenica successiva al 17 gennaio (giorno in cui il calendario liturgico celebra il Santo), da residenti, amici, conoscenti e angelani che vivono fuori dalle mura amiche ad un prezzo “politico”, perché per tradizione i priori debbono provvedere a gran parte della spesa visto che il piatto nasce come offerta gratuita verso i bisognosi.

Per tutta la mattina la piazza e il centro sono stati invasi da animali di ogni misura e razza: cani, gatti, uccelli, cavalli, conigli e qualche animale più raro ed esotico, accompagnati da amorevoli padroni provenienti non solo dal circondario ma anche da fuori regione. La presenza della Lega del Cane ha dato vita a un’iniziativa benefica in favore degli amici a quattro zampe, per i quali i volontari hanno raccolto fondi e promosso l’adozione di un esemplare anche grazie alla collaborazione delle strutture di ricovero di Assisi e Collestrada.
Durante tutta la giornata è stato allestito il mercatino degli accessori per gli animali, al suo esordio su iniziativa del vicesindaco Lunghi in collaborazione con la Confcommercio di Assisi e Valfabbrica.

Nelle foto:
alcuni momenti della giornata dedicata al Piatto di Sant’Antonio








Questo è un articolo pubblicato il 23-01-2012 alle 11:07 sul giornale del 23 gennaio 2012 - 3137 letture

In questo articolo si parla di attualità, sara caponi, santa maria degli angeli, piatto di sant'antonio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ueU