Nuove lettere anonime in Comune, Freddii: ''Inqualificabile atto di vigliaccheria''

Rino Freddii 28/01/2012 - «Fino ad oggi - scrive in una nota il capogruppo consiliare del Popolo della libertà di Assisi, Rino Freddii - credevo che utilizzare lettere anonime per discreditare gli avversari politici fosse la momentanea, se pur squallida, strategia pre e post elettorale di qualche discutibile personaggio.

Ero convinto, infatti, che dopo otto mesi dall’insediamento di questa maggioranza ci si dovesse confrontare sulle cose da fare, che gli inevitabili attacchi alla parte avversa rispondessero a requisiti di correttezza e che l’impegno politico non prescindesse dalla lealtà e dal rispetto per chi la pensa diversamente.
Purtroppo mi sono sbagliato, non è andata così.

Proprio ieri, 26 gennaio, mi è stata recapitata una lettera che getta discredito su alcune persone nascondendosi vigliaccamente dietro l’anonimato.
Non vengono citati solo politici, ma anche dirigenti comunali e consiglieri di amministrazione di altri enti con il risultato di infangare e compromettere l’immagine di Assisi. Mi auguro che la Procura, a seguito delle denunce già presentate a suo tempo e a quelle che probabilmente seguiranno quest’ultima missiva, riesca in breve tempo ad individuare il mittente o i mittenti ed interrompere così questa inqualificabile vicenda che gli assisani certamente non meritano.»


da Rino Freddii
Gruppo consiliare Popolo della Libertà





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-01-2012 alle 10:32 sul giornale del 28 gennaio 2012 - 768 letture

In questo articolo si parla di cronaca, assisi, rino freddii, lettere anonime

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/uuE