Via al piano regolatore scolastico per migliorare le scuole assisane

Scuola generico 2' di lettura 30/01/2012 - In questi giorni ad Assisi, presso la Sala della Conciliazione della residenza municipale, si è svolta la prima assemblea partecipativa sul progetto sperimentale di creazione di un “Piano Regolatore Scolastico”, per indirizzare al meglio le scelte degli Enti Locali in materia di politica scolastica.

Ad illustrare le motivazioni di fondo ed a raccogliere le prime osservazioni ed istanze su questa iniziativa, unica nel suo genere in Italia, sono intervenuti il sindaco, Claudio Ricci, e l'assessore alla Pubblica Istruzione, Francesco Mignani, con la partecipazione dei dirigenti scolastici Tecla Bacci (Istituto Comprensivo Assisi 1) e Dante Siena (Istituto Comprensivo Assisi 2 – Reggente Convitto Nazionale “Principe di Napoli”).

“Negli indirizzi generali e di governo dell'amministrazione comunale – ha spiegato il sindaco – è prevista la realizzazione del piano regolatore, in accordo ed in stretta collaborazione con le dirigenze scolastiche, per pianificare e progettare tutti i servizi, le attività e le scelte di politica scolastica, stabilendo un metodo di lavoro. Uno strumento che faccia emergere ciò che serve per migliorare. Il PRS, in sostanza, dovrà divenire uno strumento, elaborato in maniera molto sintetica, una sorta di relazione per punti che includa planimetrie in chiave territoriale e con indicazione delle infrastrutture, secondo gli intenti”.

“Sarà rispondente alle attese – ha puntualizzato l'assessore Francesco Mignani - realizzare il Piano Regolatore Scolastico attraverso le seguenti fasi: una analisi infrastrutturale da svolgersi attraverso l'attività congiunta dell'Ufficio Scuola del Comune e i dirigenti scolastici; una fase partecipativa da realizzare mediante assemblee pubbliche, di tipo tecnico, precedute dalla stesura di relazioni per comprendere le necessità del territorio; la definizione di un documento che renda più efficace e mirata l'attività dell'amministrazione comunale. Fare approvare il documento dal Comune, quindi, dall'interno del Piano Regolatore Comunale, ai fini della coerenza urbanistica (edilizia concordata)”.

Dalla assemblea riguardante il centro storico di Assisi, i primi, significativi riscontri: esigenza di un asilo nido, carenza di impianti sportivi nelle scuole del centro. Scuola Media “Frate Francesco” con spazi insufficienti per l'offerta formativa (senza un'aula artistica e senza un'aula magna). Necessità di scelte definitive per il Convitto Nazionale: decidere anzitutto se dovrà ospitare altre scuole o se dovrà rimanere una cittadella a sé stante. Se potrà costituire e rappresentare un punto di riferimento per le eccellenze (Scuola Nazionale in Lingue Estere, centro culturale per convegni), grazie agli spazi disponibili ed anche grazie alle opportunità derivanti dalla realizzazione delle scale mobili che collegheranno, entro breve, il parcheggio di Mojano ed il centro storico.

Le prossime assemblee partecipative si svolgeranno il 10 febbraio a Santa Maria degli Angeli (Pro Loco), il 17 febbraio a Rivotorto (Pro Loco), il 23 febbraio a Petrignano (Pro Loco).








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-01-2012 alle 00:31 sul giornale del 30 gennaio 2012 - 483 letture

In questo articolo si parla di scuola, attualità, istruzione, assisi, comune di assisi, piano regolatore scolastico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/uxR