Lettere anonime, Freddii: ''Bartolini dovrebbe fare i nomi''

Rino Freddii 1' di lettura 05/02/2012 - «Mi stupisco, in verità non più di tanto - afferma in una nota il capogruppo consiliare del Pdl di Assisi Rino Freddii -, delle dichiarazioni di Bartolini apparse sui quotidiani in merito alle lettere anonime.

Così come in Consiglio Comunale anche nel comunicato stampa il collega non ha sentito il dovere politico ed etico di condannare i responsabili delle missive anonime. Inoltre sembra conoscerne bene il contenuto: infatti lo spiega e lo argomenta interpretando non solo il testo, ma anche le finalità politiche.
L’accusa di ipocrisia, per quanto mi riguarda, la rimando al mittente, visto e considerato che seconda quanto è apparso sulla stampa è Bartolini, che sembra (al contrario del sottoscritto) conoscere bene gli autori e dovrebbe farne i nomi per non essere considerato lui un ipocrita.
Sarebbe inoltre interessante sapere se per lui i mittenti delle ultime due lettere sono gli stessi della serie iniziata già prima delle Amministrative 2011, perché a me sembra che i temi e i bersagli siano diversi, anche se appartengono allo stesso modo vigliacco e squallido di fare politica, un modo che io condanno a priori senza entrare nel merito dei messaggi contenuti.»


da Rino Freddii
Gruppo consiliare Popolo della Libertà





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-02-2012 alle 18:48 sul giornale del 06 febbraio 2012 - 828 letture

In questo articolo si parla di attualità, assisi, giorgio bartolini, rino freddii, lettere anonime

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/uQc