Wladimiro Boccali: ''Perugia e Assisi per costruire un futuro di pace''

Wladimiro Boccali 1' di lettura 10/03/2012 - Perugia città del dialogo interculturale e Assisi terra del dialogo interreligioso: insieme, le due città costituiscono un luogo privilegiato di confronto e di lavoro per costruire insieme un futuro di convivenza e di pace.

Di questo ha parlato il sindaco Boccali partecipando oggi alla conferenza stampa che si è svolta a Roma, presso la sede del Consiglio pontificio della cultura, per presentare il concorso internazionale intitolato a Francesco Siciliani e riservato alle nuove composizioni di musica sacra. Il concorso è organizzato dalla Sagra musicale umbra e dallo stesso Consiglio pontificio per la cultura, rappresentato per l’occasione dal presidente, Cardinale Gianfranco Ravasi.

Il sindaco ha detto che proprio la vocazione al dialogo ed all’apertura delle due città rappresenta uno dei tratti forti della loro candidatura congiunta a capitale europea della cultura, e per approfondire questo tema ha invitato il Cardinale Ravasi a Perugia in occasione della Sagra, ovvero il prossimo settembre. Anche attraverso una manifestazione di antiche ed illustri tradizioni come la Sagra, secondo il sindaco, che affonda le radici nell’identità più profonda dell’Umbria, può svilupparsi una ricerca della spiritualità nell’arte, ed in particolare nella musica, che accomuni genti, tradizioni, culture e religioni diverse, e getti dei ponti tra i popoli, a partire da quelli che affacciano sul Mediterraneo.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-03-2012 alle 02:59 sul giornale del 10 marzo 2012 - 626 letture

In questo articolo si parla di cronaca, pace, perugia, assisi, comune di perugia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/wiC