SEI IN > VIVERE ASSISI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Protesta ospedale, Freddii: ''Centrosinistra incapace di schierarsi contro Regione''

2' di lettura
686

Rino Freddii
«La grande affluenza di cittadini ed associazioni alla manifestazione di domenica - afferma in una nota il consigliere comunale Rino Freddii - è la chiara dimostrazione che il mantenimento del Punto Nascita per gli utenti assisani e dei comuni limitrofi è un obiettivo primario ed irrinunciabile al di là delle appartenenza politiche.

Ciò non sembra per i partiti di sinistra, che hanno disertato l’appuntamento in Piazza del Comune e rilasciato alla stampa dichiarazioni quantomeno pretestuose.
Non partecipare all’iniziativa, promossa dal sindaco (massima autorità sanitaria del territorio) su sollecitazione delle pro loco e di numerose forze sociali ed economiche, evidenzia chiaramente la difficoltà della sinistra locale a schierarsi in eventuale contrapposizione ai loro colleghi di partito che hanno la responsabilità della sanità regionale. Giudicare “demagogica e populistica” la manifestazione di domenica, durante la quale non c’è stata l’esposizione di nessun simbolo di partito, è chiaramente un goffo e non riuscito tentativo di motivare la propria assenza.
Se demagogia c’è stata è proprio da parte loro, che sono stati promotori di incontri con l’assessore regionale alla sanità strombazzando ai quattro venti l’impegno della sinistra.
Credevo che il documento/progetto approvato fosse da sostenere con determinazione pur nel rispetto dei ruoli istituzionali.
Credevo che tutti i consiglieri di Assisi non soffrissero una sorta di sudditanza nei confronti dei colleghi che siedono nel Consiglio Regionale.
Credevo che si dovesse continuare a lavorare insieme per il raggiungimento dell’obiettivo comune.
Credevo che la salute fosse un diritto di tutti e per il quale fosse giusto battersi fino in fondo senza scendere a compromessi partitici.
Credevo... ma forse mi sbagliavo.»

Foto di testata:
Rino Freddii



Rino Freddii

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-03-2012 alle 14:54 sul giornale del 27 marzo 2012 - 686 letture