Punto nascita, Travicelli: ''Battaglia da portare avanti senza se e senza ma''

Claudia Travicelli 2' di lettura 25/05/2012 - Ribadendo per l’ennesima volta il nostro NO alla chiusura del punto nascita dell’ospedale di Assisi, che comporterebbe alla lunga la chiusura o il depotenziamento della struttura ospedaliera, la sottoscritta e i Democratici e Popolari per Assisi vogliono sottolineare alcuni aspetti che al giudizio dei cittadini meritano chiarezza.

Avendo anche oggi partecipato attivamente e con convinzione al presidio che si è svolto con la raccolta firme nell’ospedale di Assisi, intendiamo ribadire la nostra fermezza nel scongiurare decisioni che possano gravare pesantemente sul nostro territorio. Senza sé, senza ma, senza rinvio e in modo unitario. Il nosocomio di Assisi, partendo dal suo punto nascita deve essere assolutamente salvato.
Questo per i cittadini e per il ruolo della città in relazione ai milioni di turisti che vi si recano. Il punto nascita dell’ospedale di Assisi, per 50 anni è stato un punto di eccellenza della nostra regione, certamente è pazzesco voler raffrontare, alla data di oggi, con i relativi numeri, un servizio ospedaliero senza un primario con un servizio ospedaliero con un primario nominato. La sottoscritta, come i Democratici e Popolari per Assisi, da anni ha e mantiene al riguardo la stessa posizione, sia come quando eravamo nei Ds, o nella Margherita, o nel PD.

Ora a differenza di altri ci battiamo per il rispetto della politica fatta con la P maiuscola. Questo vuol dire anche, sorvolare volutamente sulle polemica, che in questi giorni sembrano non mancare e auspichiamo invece che la politica riassuma le proprie alte responsabilità nell’interesse dei cittadini di Assisi. A questo scopo ricordiamo, che in Consiglio Comunale è all’ordine del giorno una nostra mozione sulla quale, a breve, la politica di Assisi sarà chiamata a svolgere il proprio ruolo, che è quello di difesa degli interessi dei cittadini.

L’opposizione che io, con i Democratici e Popolari per Assisi abbiamo l’onore di rappresentare, ha sempre tenuto posizioni costruttive nel solo interesse dei cittadini, rifiutando ideologie o schemi impartiti e soprattutto non rincorrendo mai sogni di carierismo. Ribadendo, che continueremo nella difesa del presidio del punto nascita e di tutto l’ospedale di Assisi, ci auguriamo che la politica locale tutta, rientri al più presto nei propri ruoli, perché solo così può assumere una rispettabilità all’interno dei tavoli istituzionali.


da Claudia Travicelli
Gruppo consiliare Democratici e popolari per Assisi




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-05-2012 alle 03:27 sul giornale del 25 maggio 2012 - 500 letture

In questo articolo si parla di attualità, ospedale, assisi, claudia travicelli, punto nascita

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/zxd