Sanità, Masciolini: ''Per l'ospedale concrete prospettive di sviluppo''

Federico Masciolini 2' di lettura 05/06/2012 - Il dibattito politico sul futuro dell’Ospedale di Assisi ha assunto dei toni e dei contenuti che non forniscono un contributo utile ad un tema che andrebbe affrontato con maggiore serietà e senza alcuna demagogia. Occupazioni, marce ed altri gesti teatrali sono stati l’unico apporto fornito dal Sindaco e la sua maggioranza alla discussione sul ruolo del nostro nosocomio.

Perché, è bene ricordarlo, questo è il punto nodale del confronto: definire il ruolo dell’Ospedale di Assisi alla luce dei provvedimenti del Governo e della riforma del sistema sanitario regionale.

E, proprio da questo delicato passaggio riformatore appena iniziato, Assisi deve cogliere l’opportunità di valorizzare la propria struttura ospedaliera avanzando delle proposte intelligenti e di prospettiva. Su tale questione ho letto in questi giorni polemiche imbarazzanti nelle quali si lamenta l’impossibilità di un confronto sui provvedimenti di riforma e la mancata convocazione di tavoli di partecipazione.
Voglio ricordare sommessamente che ad oggi nessuna misura è stata approvata e che la pre-adozione dei relativi atti serve proprio a favorire il confronto e la condivisione con i territori a partire da una proposta di riordino.

Ora il Sindaco Ricci ha la possibilità di scegliere se lavorare alla concreta possibilità di garantire alla nostra struttura ospedaliera un livello di servizi decisamente più elevata di quella attuale o proseguire in quell’agire demagogico legato alla ricerca di visibilità e funzionale solo alla propria prospettiva politica personale oltre Assisi.
A tal riguardo il Partito Democratico ha messo da tempo sul piatto una proposta concreta che, nei giorni scorsi, con il nostro capogruppo in Consiglio comunale Simone Pettirossi abbiamo analiticamente riproposto. Si tratta di idee che, indipendentemente dal punto nascita, consegnerebbero alla Città un Ospedale rinnovato nei servizi e nelle strutture, che si riappropria della propria dignità e che, grazie alla propria nuova missione, si mette al riparo dalla mannaia imposta dal Governo nazionale garantendosi un futuro certo e di qualità.

Quanto alla posizione del PD, sulla quale in diversi in questi giorni si sono spericolati in giudizi poco lucidi, mi sia permesso di dire che non è mai cambiata: fermezza nella difesa del presidio ospedaliero, della sua valorizzazione, totale indisponibilità al depotenziamento e definizione di un progetto “nero su bianco” di rilancio della struttura sullo scenario regionale grazie allo sviluppo di servizi di qualità.
Su questo continueremo, anche nell’ottica della prossima discussione in Consiglio regionale, a sollecitare i livelli superiori del nostro Partito affinché all’interno della discussione si facciano carico della “questione Assisi”.


da Federico Masciolini
Segretario Pd Assisi





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-06-2012 alle 03:54 sul giornale del 05 giugno 2012 - 667 letture

In questo articolo si parla di attualità, ospedale, partito democratico, assisi, pd assisi, federico masciolini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/zX8