Tasse e opere pubbliche, Freddii bacchetta la minoranza

Rino Freddii 3' di lettura 31/07/2012 - Cambiano i protagonisti, ma l’azione della minoranza è sempre la stessa: saltare da un argomento all’altro nella speranza, oramai vana, di intercettare l’interesse dei cittadini e di mettere in difficoltà la maggioranza.

Quote rosa, IMU, opere pubbliche, questi sono gli argomenti che a fasi alterne vengono tirati in ballo dalle quattro opposizioni (o sono più?) con analisi e proposte generalmente in contrasto tra di loro.
Sulle quote rosa credo non ci sia null’altro da aggiungere. È oramai chiaro l’uso strumentale di tutta la vicenda dimostrato dagli atti e dagli atteggiamenti in Consiglio Comunale, dagli attacchi personali al sindaco Ricci, al limite (o forse oltre) della diffamazione, e dal perfetto sincronismo tra l’azione politica e quella mediatica.
Sull’IMU l’opposizione ci ritorna con il consigliere Bartolini, che chiede di abbassare l’aliquota da noi approvata (ricordo che abbiamo applicato l’aliquota base in controtendenza con la maggioranza dei comuni che l’hanno aumentata) perché l’incasso previsto supererà quello ICI dell’anno passato, dimenticando di dire però che a fronte di un maggior introito dell’IMU ci sarà una riduzione dei trasferimenti statali senza quindi nessun incremento di entrate per le casse municipali. Anzi.
Poiché il consigliere è, come noto, un esperto in materia economico/finanziaria e di bilanci comunali, mi sembra improbabile che la sua fosse una semplice dimenticanza e non pura demagogia, anche in considerazione del fatto che non indica come ripianare gli eventuali due milioni di Euro mancanti per far quadrare i conti.
L’attacco sulle opere pubbliche, poi, credo che sia un autogol da parte dell’opposizione che denota scarsa conoscenza di ciò che si è fatto e di quello che è in cantiere, oltre alla difficoltà di ammettere che quella di Assisi da oltre 15 anni è a livello regionale riconosciuta come l’Amministrazione del fare.
Certamente tutto è perfettibile, ma credo che alla luce degli obiettivi primari che ci eravamo dati e che abbiamo centrato (non aumentare tasse e tariffe, non introdurne di nuove, non accendere mutui per non “appesantire” il bilancio ordinario), il nuovo PRG, i cantieri in essere e quelli programmati siano più che adeguati alle necessità e allo sviluppo del territorio.
Il nostro impegno nell’ultimo quadrimestre dovrà essere rivolto a quella che è secondo me la vera emergenza del momento: il lavoro. È oramai chiara la difficoltà che sta attraversando la maggior parte delle attività produttive di Assisi, ed è per questo che entro il mese di settembre, in fase di verifica del bilancio, dobbiamo essere in grado di redigere ed approvare un “pacchetto Economia” a sostegno delle imprese, e quindi dell’occupazione. Mi auguro che almeno su questo ci sia la massima convergenza di tutti i gruppi politici presenti in Consiglio Comunale, affinché a partire da subito e per tutto il 2013 gli imprenditori possano contare su agevolazioni ed aiuti concreti finalizzati a mantenere i posti di lavoro.


da Rino Freddii
Gruppo consiliare Popolo della Libertà





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-07-2012 alle 12:00 sul giornale del 01 agosto 2012 - 768 letture

In questo articolo si parla di tasse, politica, assisi, opere pubbliche, rino freddii

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ChY