Bastia: vendevano polvere magica per fabbricare soldi. Due camerunensi in manette

Carabinieri 1' di lettura 10/08/2012 - Sono stati arrestati a Bastia Umbra con l’accusa di truffa in concorso due trentenni originari del Camerun, uno dei quali già noto alle forze dell’ordine, che tentavano di vendere una polvere magica in grado - assicuravano - di trasformare comunissima carta bianca in banconote.

Successive analisi hanno stabilito che in realtà quella polvere altro non era che borotalco.
I carabinieri di Bastia hanno pizzicato i due stranieri dopo che avevano tentato di raggirare un cinese convincendolo ad acquistare per 3000 euro un kit di fogli di carta e la miracolosa polvere bianca che, una volta cosparsa sopra la carta e imbevuta di liquido, avrebbe trasformato i fogli in banconote da venti euro fruttando complessivamente 30mila euro.
Il tentativo di truffa è stato sventato dai militari che, dopo essersi nascosti in casa della vittima hanno recuperato il materiale usato per il raggiro e bloccato i due truffatori.





Questo è un articolo pubblicato il 10-08-2012 alle 19:18 sul giornale del 11 agosto 2012 - 828 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, truffa, arresto, Raffaele Aristei, bastia umbra

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/CKa