Quote rosa, Ricci pronto a opporsi al nuovo ricorso

Claudio Ricci 1' di lettura 10/08/2012 - Il Sindaco di Assisi Claudio Ricci, e l'Amministrazione Comunale, ha appreso del nuovo ricorso presentato dall'opposizione (tranne il Consigliere Claudia Travicelli) in merito alle quote rosa (mancanza di una donna nella Giunta Comunale di Assisi).

Prendiamo atto che l'opposizione, malgrado i tanti problemi socio economici, per famiglie e imprese, che dovrebbero rappresentare le priorità del nostro impegno, continua questa azione politica strumentale.

Ricordiamo che, ne lo statuto comunale ne alcuna legge italiana impone al Sindaco di inserire una donna in Giunta e che, comunque, fra i sei incarichi amministrativi apicali il presidente del consiglio comunale (seconda carica dopo il Sindaco) è una donna (come la gran parte dello staff dirigenziale e di stretta collaborazione del Sindaco).
Eviteremo, dovendoci occupare di progetti, opere, inaugurazioni e iniziative, in gran numero e ben più importanti del ricorso sulle quote rosa, ogni ulteriore polemica (tutelandoci, doverosamente, come abbiamo fatto e come stiamo facendo, anche in ogni sede consentita, e rappresentando alla Corte dei Conte queste azioni che ledono anche l'immagine del Comune).

Ricordiamo in ultimo che andremo a controdedurre il nuovo ricorso al TAR e, sin d'ora, annunciamo, se necessario, istanze sino al Consiglio di Stato e in sede europea in quanto non si può costringere un Sindaco a rispettare una legge che non esiste (infatti il relativo disegno di legge è in itinere presso il parlamento) e uno statuto comunale che non prevede quote rosa.


da Claudio Ricci
Sindaco del Comune di Assisi





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-08-2012 alle 20:01 sul giornale del 11 agosto 2012 - 586 letture

In questo articolo si parla di attualità, quote rosa, assisi, claudio ricci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/CKh