Masciolini replica a Ricci: ''Il suo è un atteggiamento sarcastico e irrispettoso''

Federico Masciolini 14/08/2012 - L’atteggiamento sarcastico e irrispettoso del Sindaco Ricci nei confronti dell’attività delle forze di minoranza dimostra non solo scarsa sensibilità istituzionale, ma anche un certo nervosismo circa una seria e puntuale funzione di opposizione politica alla quale forse non era abituato. E’ allora necessario puntualizzare e fare chiarezza su alcune questioni ricostruite in maniera caricaturale dal Sindaco e sulle quali è opportuno dire una parola di verità.

La battaglia sul riequilibrio di genere della Giunta comunale non è una polemica strumentale, ma una battaglia di civiltà da parte di chi non vuole permettere che le Istituzioni vengano piegate all’esigenza del Sindaco di mantenere inalterati quegli equilibri politici, venuti a mancare i quali la sua maggioranza si sfalderebbe e con essa i progetti futuri di diversi suoi esponenti. Ma veramente Ricci pensa che qualcuno creda all’impossibilità di individuare una donna in grado di dare il proprio contributo all’amministrazione della propria Città e disponibile a farlo o ritenga davvero insostituibile uno degli attuali Assessori? Rispetto al trattamento di questa situazione il Sindaco di Assisi può contare su autorevoli esempi di importanti Città e Regioni italiane e, da ultimo su quello del Sindaco di Cascia Emili che, confermando di “non avere mai avuto intenzione di non rispettare quello che è un obbligo normativo”, ha nominato una donna nella propria Giunta, vanificando in questo modo il ricorso al TAR presentato dall’opposizione riguardo alla composizione dell’esecutivo comunale. Lo invito nuovamente a seguirli.

Riguardo all’accusa alle forze di minoranza di non occuparsi dei problemi dei cittadini, voglio ricordare al Sindaco che il Partito Democratico ha affrontato tutti i principali temi dell’agenda politico-amministrativa della città con un evidente atteggiamento costruttivo volto alla risoluzione concreta delle difficoltà incontrate ogni giorno dai cittadini. A partire dalla discussione ed approvazione del Bilancio preventivo in cui sono stati discussi emendamenti del nostro Partito relativi a fisco, viabilità ed opere pubbliche utili ai cittadini del capoluogo e delle frazioni. Ricordo al Sindaco che quelle proposte di modifica avevano ad oggetto proprio una serie di questioni che oggi stanno animando un diffuso malcontento in diverse zone del territorio comunale: dalla viabilità e al parcheggio di Rivotorto, alla manutenzione degli impianti sportivi (Piscina e Stadio) che da tempo chiedono interventi urgenti.

Sulle aliquote IMU e sulla vicende delle caserme, poi, l’atteggiamento del Sindaco denota in maniera evidente la volontà di non rispondere al merito delle questioni.
Nessuno ha mai negato il fatto che ad Assisi venga applicata l’aliquota base sulla prima casa. Abbiamo solo puntualizzato che non è la più bassa applicabile perché, come abbiamo proposto con apposito emendamento, si sarebbe potuta abbassare ulteriormente rimodulando le altre aliquote. Semplicemente non lo si è voluto fare.

Nessuno, inoltre, ha mai negato l’importanza della presenza di caserme sul territorio comunale. La pubblica sicurezza è interesse primario del Partito Democratico che ha solo sollevato dei legittimi dubbi su alcuni aspetti amministrativi e di accessibilità delle strutture. Si risponda sul merito e non sul concetto generale di sicurezza di cui il nostro Partito, come dimostra anche l’attenzione ad alcune frazioni che come Rivotorto risentono di più di questo problema, si fa concretamente carico.

E’, infine, veramente stucchevole l’atteggiamento di Ricci su questioni come la manutenzione di via della Selva o sui tavoli di via Portica che non nascono da invenzioni dell’opposizione, ma da nostri concittadini che, come sempre più spesso accade nel nostro Comune, si organizzano in Comitati per cercare di ottenere l’attenzione dell’Amministrazione.

Voglio tranquillizzare, quindi, il Sindaco circa l’atteggiamento e la salute del Partito Democratico e dell’opposizione democratica. Da parte nostra continuerà a trovare un interlocutore serio e credibile, pronto ad avanzare le proprie proposte ed interessato ad affrontare con spirito costruttivo i problemi della Città, a partire quelli che già nei prossimi giorni incideranno con forza sul futuro di Assisi.
Ci aspettiamo di poter discutere sul merito come attiene ad una normale dialettica tra maggioranza e opposizione senza essere accusati di lesa maestà.


da Federico Masciolini
Segretario Pd Assisi





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-08-2012 alle 03:16 sul giornale del 14 agosto 2012 - 924 letture

In questo articolo si parla di politica, partito democratico, assisi, claudio ricci, pd assisi, federico masciolini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/COZ


Sembra una timida autodifesa tendente ad affermare, con l'elenco di alcune proposte, una presa di coscienza dei problemi della gente che Ricci rimprovera al PD di non avere.
Tutti gli ultimi interventi di Pettirossi e anche del Segretario del PD danno l'impressione di una oggettiva difficoltà a confrontarsi con il Sindaco. Ogni volta appaiono in difensiva, come a giustificarsi al proprio elettorato per le battaglie che flanno, alcune delle quali veramente incomprensibili. Non è forse meglio organizzare l'opposizione in mezzo alla gente invece di rispondere a Ricci colpo su colpo? Anche perchè con queta tattica Ricci vince sempre.