Bastia: comitato di Costano, ''Non abbasseremo la guardia''

Comitato per l'ambiente di Costano 3' di lettura 17/08/2012 - Esprime compiacimento e soddisfazione il Comitato di Costano per la difesa dell’ambiente dopo il Consiglio comunale straordinario di Bastia del giorno 9 agosto.

Compiacimento per gli esiti raggiunti dal Consiglio stesso attraverso l’ unanimità dei consensi, seppure molto sofferta, e soddisfazione per le risposte avute all’appello tramite lettera aperta inviata il 29 luglio ai soggetti istituzionali e politici coinvolti nella vicenda della proposta-bis di realizzazione di un impianto a biomasse per la produzione di biogas nel suo territorio, dopo quella respinta al mittente la prima volta nell’aprile scorso.

E rispetto alle risposte avute, si sente ora in dovere di sollecitare il Sindaco del Comune di Bastia a dar corso ai due mandati ricevuti dal Consiglio nella mozione di contrasto alla delibera regionale 494 del 7 maggio e nell’ordine del giorno di impegno alla predisposizione immediata del Piano energetico ambientale comunale e alla modifica del Regolamento comunale di igiene. Mandati e azioni che comunque il Comitato intenderà monitorare attentamente nell’immediato futuro.

Il Comitato si sente anche in dovere di ringraziare il Presidente del Consiglio Comunale Armando Lillocci per la preziosa opera svolta, sia in fase di predisposizione degli atti unitari, sia per come ha portato a termine i faticosi lavori del Consiglio con l’obiettivo della unanimità di voto.

Compiacimento viene espresso per le forze politiche di Bastia: quelle di maggioranza per le prese di posizioni faticosamente assunte e per il coraggio dimostrato di averle rivedute e aggiornate rispetto a qualche mese fa e quelle di opposizione, da subito schierate al fianco del Comitato, ma eccessivamente e inutilmente polemiche nella seduta del Consiglio e che lasciano trasparire alcune diverse “sensibilità” nei confronti delle omologhe forze politiche regionali di maggioranza.

Ciò fatti salvi alcuni comportamenti e maldipancia individuali di alcuni “rappresentanti del popolo sovrano”, che non sono sfuggiti alla visione dei presenti nel corso della seduta e di cui ognuno si assumerà la responsabilità politica.

Niente di nuovo sotto il sole della crisi della politica di questi ultimi tempi, soprattutto quando essa viene chiamata ad esprimersi unitariamente!

Il Comitato intende anche ringraziare il sindaco del Comune di Assisi, il quale si è adoperato subito dopo l’appello del 29 luglio e allo stesso tempo registra la sostanziale assenza di risposte ufficiali del sindaco di Bettona, il quale pare aver perso invece un’ottima occasione per dare sostanza alle posizioni in materia ambientale e di politiche territoriali assunte nella recente campagna elettorale.

Dunque tutto bene? Assolutamente no.

La delibera della Giunta regionale 494 è ancora minacciosamente agli atti e anche se gli impegni politici scritti appaiono per il momento soddisfacenti, il Comitato intende seguire l’evoluzione delle numerose prese di posizione e atti assunti a vari livelli contro la sua revisione o annullamento. E poi rimane la curiosità per certi passaggi delle ultime settimane, in particolare per il comportamento dell’Azienda che prima ri-presenta sollecitamente la richiesta dell’impianto a Costano, dopo la revisione della norma regionale e poi la ritira alla vigilia del Consiglio comunale.

Chi pensa che il Comitato di Costano abbia concluso il suo compito e cominci ad abbassare la guardia si sbaglia. A Costano si sa bene che in materia di tutela ambientale non ci si può mai distrarre e tutto deve risultare chiaro e trasparente.


dal Comitato per la difesa dell’ambiente
Costano





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-08-2012 alle 18:43 sul giornale del 18 agosto 2012 - 686 letture

In questo articolo si parla di ambiente, attualità, biogas, costano, comitato per l'ambiente

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/CUC