Freddii: ''Minoranza divisa anche sul tema del lavoro''

Rino Freddii 2' di lettura 31/08/2012 - Il Consiglio Comunale del 30 agosto ha evidenziato per l’ennesima volta la difficoltà da parte dei gruppi d’opposizione nel rappresentare una credibile alternativa alla maggioranza. Neppure su un ordine del giorno sul tema del lavoro, presentato dal capogruppo Pettirossi, sono riusciti a fare proposte condivise tra di loro.

Nel mio intervento ho evidenziato come noi della maggioranza, già nel bilancio 2012, abbiamo previsto una serie di provvedimenti finalizzati all’aiuto sia di chi si trova in cassa integrazione, o peggio è stato licenziato, sia delle attività produttive affinché potessero superare il difficile momento senza tagliare posti di lavoro.
Il non aver aumentato né la TARSU, né i trasporti e le mense scolastiche, aver lasciato l’addizionale IRPEF pari a zero, sono stati aiuti concreti alle famiglie che con sempre maggiore difficoltà arrivano alla fine del mese, aiuti quantificabili in oltre 2.5 milioni di Euro.
- Il non aver aumentato il costo per l’affissione e l’occupazione del suolo pubblico;
- il non aver introdotto la tassa di soggiorno e allo stesso tempo aver garantito la presenza di eventi di respiro internazionale come le tappe del Giro d’Italia, la mostra “I gessi di Botero” e il Salone Mondiale dei siti UNESCO; - l’aver lasciato l’aliquota IMU per l’attività produttive e commerciali alla percentuale base, senza quindi aumenti come richiesto dall’opposizione per mezzo di un emendamento al bilancio, sono stati provvedimenti non certo risolutivi, ma sicuramente importanti per dare un po’ di respiro alle aziende in difficoltà.

Non riteniamo certo concluso il nostro impegno, anzi ora più che mai siamo concentrati nel portare a termine tre iniziative di grande spessore, che siamo certi avranno un impatto più che positivo nell’economia del nostro comune: l’istituzione della Banca di Assisi, l’approvazione dopo 40 anni del nuovo PRG e la definizione di un pacchetto economia finalizzato all’occupazione.

Di fronte a queste proposte l’opposizione non ha saputo far altro che contrapporre uno sterile elenco di cose da fare (come al solito senza quantificare la spesa e senza la necessaria copertura finanziaria), peraltro già emerse in precedenti Consigli Comunali su suggerimenti di tutte le componenti politiche.
Nella stessa seduta abbiamo avuto un altro esempio dell’attenzione che l’opposizione ha nei confronti delle donne! Infatti, al momento della discussione dell’ordine del giorno presentato dal collega Marini in merito alla possibilità di parcheggiare la seconda macchina in centro storico per le donne in stato interessante, i consiglieri di minoranza hanno abbandonato l’aula senza prendere la parola, convinti (sbagliando) che mancasse il numero legale. È stata l’ulteriore riprova che quello delle quote rosa è solo un argomento pretestuoso per mettere in difficoltà la maggioranza e non certo espressione di vero interesse per la parità di genere.


da Rino Freddii
Gruppo consiliare Popolo della Libertà





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-08-2012 alle 18:58 sul giornale del 01 settembre 2012 - 1081 letture

In questo articolo si parla di lavoro, opposizione, consiglio comunale, politica, assisi, minoranza, rino freddii

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Dmf