Riapertura scuole, Travicelli: ''I giovani credano nel cambiamento''

Claudia Travicelli 2' di lettura 12/09/2012 - L’inizio del nuovo anno scolastico rappresenta un momento importante per tutti i giovani e per l’intera comunità scolastica, perché riparte e si rinnova il periodo di formazione, che concorrerà alla costruzione delle personalità, dei caratteri e soprattutto all’ educazione e alla formazione delle cittadine e dei cittadini.

La Scuola, in questo viaggio formativo, ha un ruolo importante, strategico, insostituibile, perché deve riuscire a soddisfare il bisogno di socializzazione, di apprendimento, di conoscenza, di sperimentazione degli studenti e, allo stesso tempo, stimolare l’aspirazione dei giovani a sperare, a cambiare, a credere in un mondo più giusto e migliore.
Non possiamo certamente nascondere le enormi restrizioni che la politica governativa ha imposto al sistema scolastico italiano, chiamandolo ad operare entro capitoli finanziari sempre più ridotti. Questa è una sfida che dovrà essere raccolta, sul piano della progettualità per mantenere nella scuola pubblica quel decoro e quella dignità, quella professionalità che durante questa lunga crisi del sistema scolastico ha continuato a formare e a educare.
Proprio in questo momento così importante sento il dovere e l’esigenza di rivolgere ai Dirigente Scolastico, agli Educatori e a tutti gli operatori del mondo della Scuola il mio pensiero e il mio incitamento, affinché continuino, con passione, competenze e positività, a svolgere il loro ruolo così qualificante e decisivo per la formazione delle nuove generazioni.
Desidero inviare gli auguri di buon lavoro e di un sereno e proficuo anno scolastico a tutti gli studenti di Assisi, perché, grazie all’impegno scolastico, scoprano nuove opportunità, nuovi mondi che permettano loro di rivalutare il senso della memoria storica e delle radici, dell’identità e dell’appartenenza, dell’unità, della pace e della solidarietà, dell’interesse generale e del bene comune, dei diritti e dei doveri, della partecipazione democratica e della cittadinanza attiva. Sono sicura che insieme, con l’impegno e la passione di ognuno e di tutti, ce la possiamo fare e ce la faremo. Non risparmiatevi dunque, e a riguardo mi viene in mente quanto detto due anni fa sempre in occasione dell’inizio dell’anno scolastico dal Presidente Napolitano “Ho conosciuto molte persone che si sono pentite di non aver studiato abbastanza, nessuno che si sia pentito di aver studiato troppo”.
Il mio pensiero e un caro saluto va a tutti i genitori delle alunne e degli alunni, a cui non è mai superfluo ribadire l’importanza di una fattiva collaborazione di tutti per rendere proficuo il lavoro che attende tutto il mondo della scuola, con la rinnovata consapevolezza che, anche in momenti di difficoltà e di crisi, il valore della conoscenza rappresenta una grande possibilità di riscatto ed un investimento sul futuro dei nostri giovani.


da Claudia Travicelli
Presidente III commissione consiliare




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-09-2012 alle 03:28 sul giornale del 12 settembre 2012 - 764 letture

In questo articolo si parla di scuola, attualità, studenti, assisi, claudia travicelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/DI1


cambiamento? con questi comunicati ecumenici che parlano del nulla? e poi da che pulpito...cari ragazzi, di auguri ne avete davvero bisogno!