Mobilità sostenibile, tante parole e pochi fatti: la segnalazione di una lettrice

Bicicletta generica 2' di lettura 18/09/2012 - In relazione al convegno “Mobilità sostenibile per la cura e la salvaguardia del creato” che si svolgerà ad Assisi giovedì prossimo, 20 settembre 2012, una lettrice di Vivere Assisi ci segnala gli ostacoli e la carenza di servizi legati alla piena attuazione di una mobilità sostenibile nel nostro Paese.

“Ho letto l'articolo sul convegno dedicato alla mobilità sostenibile - scrive la nostra lettrice - ed essendo appassionata di bicicletta volevo venirci. In relazione alla suddetta giornata - come minimo - doveva essere facile raggiungere Assisi con mezzi poco inquinanti e/o con poco impatto inquinante, quali appunto la bici.
Purtroppo mi sono recata in stazione per chiedere gli orari dei treni dei regionali da Milano, che sono gli unici che consentono di caricare la bicicletta (in tutta Europa si viaggia sul treno in bici), ma ironia della sorte non si può. Il tratto Bologna Prato non ha servizio bici. Quindi arrivare all'evento con pacchetto treno + bici... NON si può.
La mobilità sostenibile passa da FATTI CONCRETI e siccome FS è tra gli organizzatori, deve gioco forza rimuovere questo ostacolo. Bisogna eliminare tutti gli di ostacoli reali sulla rete di trasporti per arrivare alla mobilità sostenibile, altrimenti si rischia solo di fare grandiosi annunci, che rischiano di rimanere belle promesse e solo buoni propositi.
Ad oggi, inoltre, non c'è alcuna convenzione con FS (che pure organizza l'evento) e chi vuole arrivare ad Assisi per un convegno di siffatta natura deve pagare prezzo pieno!
Infine, ma giusto perché cerco sempre di fare proposte costruttive, sarebbe l'occasione per chiedere a Fs di togliere dalle tante stazioni tutte quelle barriere architettoniche che impediscono di caricare, oltre alle bici, anche carrozzelle e carretti (soliti sottopassaggi senza scivoli), ma soprattutto di consentire un abbonamento annuale per chi viaggia con bici al seguito (l’abbonamento oggi è solo regionale e costa 60 euro) al fine di giungere nelle città senza auto”.
Ringraziamo come sempre i nostri lettori per le tante preziose segnalazioni che contribuiscono a fare di Vivere Assisi un punto di riferimento nell’informazione del nostro territorio.






Questo è un articolo pubblicato il 18-09-2012 alle 02:24 sul giornale del 18 settembre 2012 - 832 letture

In questo articolo si parla di attualità, bicicletta, mobilità sostenibile, ferrovie dello stato, assisi, Raffaele Aristei, sacro convento

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/DWw