Frana Ivancich, Brunozzi: ''Serve azione plateale''

Franco Brunozzi 1' di lettura 04/01/2013 - Per poter dare un’impulso definitivo alla ripresa dei lavori del secondo stralcio nella zona in frana di Assisi e’ necessaria una dimostrazione plateale da mettere in atto quanto prima insieme amministrazione comunale e comitato frana presso i ministeri dell’ambiente e finanze a Roma.

E’ quanto afferma il Consigliere Comunale Franco Brunozzi in una nota fatta pervenire al Sindaco Claudio Ricci circa il ritardo inconprensibile di oltre sei mesi dall’ incontro e dalle rassicurazioni da Lei avute dal ministero dell’Ambiente. Non si può più attendere, la zona est di Assisi va consolidata definitivamente, basta con i cavilli burocratici inconprensibili sottolinea il Consigliere Brunozzi.
Le risorse necessarie per terminare le opere ci sono, basta solo di essere assegnate al bilancio attribuendole alla nuova impresa che realizzerà i lavori e il provveditore Toscana-Umbria riceva l’ok dal Ministero dell’Ambiente per l’inizio lavori.
Attendere ancora si rischia di vanificare gli interventi sugli edifici consolidati dopo il sisma. Sono decine di anni che la popolazione residente della zona est della citta’ vive in apprensione e attende di essere tutelata da ulteriori movimenti.
Nel registrare positivamente la riattivazione del sistema di monitoraggio dei movimenti franosi nella zona, auspico che il Sindaco, l’Amministrazione Comunale, insieme al Comitato frana mettano in atto iniziative forti presso le autorita’ Ministeriali competenti che possano consentire la ripresa dei lavori di bonifica della zona est di Assisi.


da Franco Brunozzi
Gruppo consiliare Pdl Assisi




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-01-2013 alle 17:20 sul giornale del 05 gennaio 2013 - 719 letture

In questo articolo si parla di politica, assisi, frana ivancich, franco brunozzi, zona est

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/HS4