Piano regolatore, la replica di Freddii: ''L'architetto Marini non è super partes''

Rino Freddii 2' di lettura 24/01/2013 - “Siamo alle solite” anche con l’architetto Marini, perché nel suo dotto comunicato sul PRG del 22 gennaio se ne è guardata bene dal ricordare ai cittadini, ai quali si rivolge, di essere stata candidata alle ultime consultazioni amministrative tra le fila di Buongiorno Assisi e che (pur non volendo) certi suoi giudizi potrebbero essere condizionati dall’appartenere all’opposizione.

Ognuno è libero di esprimere le proprie opinioni (ci mancherebbe altro), ma sempre con la massima correttezza cercando di distinguere i dati reali da quelle che sono le proprie valutazioni e convinzioni personali, e soprattutto non citando solamente titolo di studio ed incarichi lavorativi ricoperti per sembrare l’esperta super partes che non è.
Non entro nel merito delle varie questioni sollevate in quanto ampiamente dibattute e oramai superate dallo stato dei fatti, ma mi corre l’obbligo di fare alcune precisazioni, visto e considerato che stranamente sono stato citato tante di quelle volte nell’articolo sopra ricordato da sembrarmi scritto su commissione.
Il precedente Consiglio Comunale ha adottato senza nessun voto contrario la parte strutturale del nuovo PRG, ora all’esame della Provincia, a dimostrazione che si è lavorato con impegno, responsabilità, capacità e collaborazione.
Se ora, come sembra di capire, qualche consigliere di opposizione non condivide più le scelte dei suoi colleghi di partito del passato è un problema suo e del suo gruppo; noi, da parte nostra, continueremo ad impegnarci per dotare al più presto Assisi di una strumento rispondente alle attuali e future necessità urbanistiche e quindi anche economiche.
In merito alle 424 osservazioni presentate dai cittadini ricordo all’architetto (e a chi l’ha dimenticato) che sono state oggetto di un attentissimo esame sia in commissione che in aula, tanto è vero che 98 non sono state accettate e solamente 113 sono state interamente accolte tra modifiche grafiche e alle NTA.
Per quanto concerne l’eccedenza di cubatura non posso che ripetere quanto già detto in altre occasioni e cioè che sono certo che la Provincia valuterà attentamente il progetto, lo sviluppo, il ruolo, la collocazione geografica, i servizi esistenti e da realizzare, le infrastrutture di ogni comune interessato, rivedendo ed adeguando la percentuale ora fissata indistintamente, e per me erroneamente, al 10%.


da Rino Freddii
Gruppo consiliare Popolo della Libertà





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-01-2013 alle 03:27 sul giornale del 24 gennaio 2013 - 1448 letture

In questo articolo si parla di urbanistica, politica, piano regolatore generale, assisi, rino freddii, prg assisi, marina marini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/IAt





Array ( [0] => 00000 [1] => [2] => )