Bastia Umbra: per la prima volta un palestinese diventa cittadino bastiolo

1' di lettura 21/02/2013 - E’ stata concessa a Bastia Umbra la prima cittadinanza italiana ad un cittadino Palestinese, in Italia dal febbraio 1987, l’ Architetto Almuhtasib Aziz I A, marito della concittadina Dott.ssa Clara Silvestri.

Nell’anno 2012 le cittadinanze italiane concesse a vario titolo sono state ben 40 su un totale di 107 nuovi Cittadini Italiani dall’insediamento dell’Amministrazione Ansideri. I paesi di provenienza degli immigrati che hanno ottenuto l’importante riconoscimento sono così suddivisi:
ALBANIA 45
BOSNIA - ERZEGOVINA 1
BULGARIA 1
CILE 4
CUBA 4
ECUADOR 4
EGITTO 1
FEDERAZIONE RUSSA 2
INDIA 3
IRAN 2
LIBANO 1
MAROCCO 23
MESSICO 1
MOLDAVIA 2
NIGERIA 1
PALESTINA 1
PERU' 5
POLONIA 1
ROMANIA 4
UZBEKISTAN 1
Requisito essenziale per l’acquisizione della cittadinanza è la residenza da almeno dieci anni nel territorio; il termine è di soli cinque anni per i rifugiati e gli apolidi e di soli quattro anni per i cittadini comunitari. Con il matrimonio è necessario un periodo di due anni, che si riduce della metà in presenza di figli minori.
Durante la Cerimonia il neo – “bastiolo” ha ricevuto il benvenuto da parte del Sindaco Stefano Ansideri.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-02-2013 alle 00:38 sul giornale del 21 febbraio 2013 - 1454 letture

In questo articolo si parla di attualità, palestina, bastia umbra, comune di bastia umbra

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/JM8