Le 'confessioni' di Emanuele Salce in scena agli Instabili

1' di lettura 08/03/2013 - Giovedì 14 marzo, alle ore 21.30, il Piccolo Teatro degli Instabili di Assisi ospiterà Emanuele Salce e Paolo Giommarelli con “Mumble Mumble, ovvero Confessioni di un orfano d’arte”.

Nella solitudine di un camerino improvvisato, nella notte di una profonda provincia italiana, un attore, impegnato a provare la spericolata messinscena di un importante testo letterario, si ritrova, involontariamente ma inevitabilmente a fare i conti con se stesso.
Con il suo essere attore e uomo, funzione di una società che gli sfugge e identità ricercata e mai trovata.
"Mumble Mumble" mette in scena l'ambizioso tentativo del protagonista di combinare l'attrazione per una verità assoluta, il contatto con la relatività dell'esistente, le pulsioni sessuali ed un irrefrenabile (e non del tutto astratto) bisogno di liberazione. Cercando di conciliare le pagine di Dostoevskij, gli Europei di calcio, i paterni cerimoniali funebri, un'irresistibile bionda australiana e una sciagurata boccetta di lassativi...
Con il controcanto ironico e discreto di un personaggio-spettatore ora complice ora provocatore, assistiamo ad una confessione pubblica di sogni, incubi e ossessioni tutti implacabilmente sotto il segno dell'amore e della morte.
Una confessione che è un balletto selvaggio di tragica comicità; un infuriare di ricordi grotteschi, un intreccio di personaggi pubblici e teneramente privati, di attese insoddisfatte e di traiettorie felicemente impreviste, un paradossale autodafè laico.
La testimonianza consapevolmente devastata di un orfano d'arte partecipe di un mondo assurdamente logico.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-03-2013 alle 15:00 sul giornale del 09 marzo 2013 - 769 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, assisi, piccolo teatro degli instabili

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/KlN