Le cerase e i mostaccioli presenta: gli Arvoltoli

Gli arvoltoli di Chiara Giontoni 3' di lettura 10/04/2013 - Torna l’appuntamento con “Le cerase e i mostaccioli”, la rubrica curata dalla foodblogger Chiara Giontoni, che ogni mese regala ai lettori di Vivere Assisi una ricetta della tradizione locale. La ricetta di aprile ci spiega come preparare dei semplici ma deliziosi arvoltoli dolci o salati.

Questa antica ricetta umbra è ideale per essere assaporata in differenti pasti della giornata: infatti la versione salata è indicata per sostituire il pane durante il pranzo e la cena, mentre la versione dolce arricchita con zucchero e miele è adatta per essere gustata durante una merenda saporita, che rievoca profumi e sapori di altri tempi, tanto che un antico stornello umbro ne decanta la versione salata: "'N col vino e 'n compagnia, 'n arvoltolo e via. Se pija 'n pò de pasta de pane, si c'e', se mette nto la spianatora e se fanno tanti dische, ncol buno 'n mezzo. Se friggono, se salono e se magnano".


Gli Arvoltoli
Ricetta di Chiara Giontoni

Ingredienti
500 gr. di farina 00,
300 ml. di acqua,
3 cucchiai di olio extra vergine d'oliva,
10 gr. di sale fino,
1 cucchiaino raso di zucchero semolato,
12 gr. di lievito di birra.

Ingredienti per la copertura
- Dolce: zucchero semolato e miele millefiori q.b.;
- Salata: sale fino q.b.

Procedimento
Per preparare l'impasto degli arvoltoli disponete sulla spianatoia la farina a fontana ed aggiungete all'acqua tiepida: il lievito di birra e lo zucchero, in modo tale da scioglierli ed ottenere un composto liquido che unirete alla farina.
Utilizzando un altro bicchiere d'acqua tiepida, a parte sciogliete il sale e mettete l'olio, versate anche questo composto nella farina, impastando delicatamente il tutto fino a far amalgamare bene gli ingredienti, per avere la giusta consistenza, morbida ed elastica.
Quando avrete ottenuto un composto liscio e consistente, prendete una ciotola capiente, ungetene l'interno ed adagiatevi l'impasto ricoprendolo con un canovaccio pulito ed umido, in modo tale da farlo riposare, fino a che non radoppi il suo volume.

Trascorso il tempo di riposo procedete alla stesura della pasta per realizzare gli arvortoli. Una volta sgonfiato l'impasto, dividetelo in tante pagnottelle quanti saranno gli arvortoli che vorrete ottenere: poi con il mattarello spianate la pasta preparando dei piccoli dischi dello spessore di mezzo centimetro l’uno.
Infine friggete in abbondante olio avendo cura di far dorare gli arvoltoli da entrambi i lati, scolateli su carta paglia e a piacere cospargeteli con sale fino, oppure con zucchero e miele.

Vi consiglio di servire ben calde entrambe le versioni degli arvortoli e se gradite accompagnate gli arvortoli salati con dell’ottimo vino rosso locale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-04-2013 alle 00:47 sul giornale del 10 aprile 2013 - 3949 letture

In questo articolo si parla di attualità, cucina, gastronomia, assisi, tradizione, chiara giontoni, le cerase e i mostaccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/LB3

Leggi gli altri articoli della rubrica Le Cerase e i Mostaccioli