Bastia Umbra: ''Gli ambulanti tornino davanti all'ingresso dell'Umbriafiere''

umbriafiere bastia umbra 2' di lettura 25/04/2013 - Il consiglio comunale di Bastia Umbra, su proposta dell’assessore al commercio Fabrizia Renzini, in data 13/09/2012, ha approvato la delibera N°56. Questo atto ha cambiato la norma che disciplina gli spazi dedicati al commercio ambulante lungo il perimetro esterno al centro fieristico regionale – UMBRIAFIERE.

In particolare, durante la manifestazione AGRIUMBRIA, è fatto espresso divieto agli ambulanti di posizionarsi nella zona adiacente l’ingresso fiera lungo Via delle Industrie. Gli operatori sono stati trasferiti al parcheggio dello stadio tentando di lanciare l’iniziativa “Il mercatino di Agriumbria”. Occasione significativa per sperimentare la bontà del provvedimento è arrivata con l’edizione 2013 di AGRIUMBRIA, annata da record per presenze di visitatori, quantità e qualità degli espositori presenti in fiera.
Purtroppo, per i venditori ambulanti, la nuova collocazione si è rivelata un netto fallimento. Gli incassi sono diminuiti fino al 90%, rispetto alle passate edizioni. Alcuni operatori hanno, addirittura, chiuso le vendite nella mattina della domenica senza attendere la fine della manifestazione. Le preoccupazioni che i commercianti avevano espresso alla vigilia, anche all’assessore di riferimento, si sono trasformate in durissima realtà, incassi praticamente azzerati ed una grande opportunità lavorativa svanita nel nulla. Per il commercio ambulante AGRIUMBRIA rappresenta uno degli eventi principali della stagione, in un momento di fortissima crisi dei consumi doveva essere un appuntamento per sostenere le attività. AGRIUMBRIA, oltre ad essere una fiera di eccellenza per il settore agro-alimentare, è sempre stata un momento di festa legato alla tradizione agricola popolare. Una manifestazione che, in particolar modo nella giornata di domenica, attira tante famiglie che portano i figli a vedere animali e mezzi agricoli. In quest’ottica, la presenza del commercio ambulante lungo le vie di accesso alla fiera ha sempre dato forza al significato della festa popolare. Riteniamo che l’esperimento tentato sia assolutamente da non ripetere. Abbiamo proposto al Sindaco ed alla maggioranza di governo di annullare il provvedimento in questione e di ripristinare la precedente normativa. Proponiamo che il commercio ambulante torni ad animare le aree limitrofe agli ingressi di Umbriafiere, lungo tutto il perimetro. Per le manifestazioni che animano il centro fieristico regionale, lungo tutto il corso dell’anno, proponiamo che gli spazi a disposizione del commercio ambulante tornino ad essere N°21. Questa iniziativa nasce nel segno della pluralità e nel pieno sostegno ad un settore fortemente in crisi. Per il futuro, auspichiamo una maggiore concertazione con gli operatori del settore e con le associazioni di categoria prima di assumere decisioni così incisive.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-04-2013 alle 20:59 sul giornale del 26 aprile 2013 - 576 letture

In questo articolo si parla di politica, bastia umbra, luca livieri, umbriafiere, fratelli d'italia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Me5