Bastia Umbra: guerra sindacale alla Isa per un'ora di lavoro in più

Isa Bastia Umbra 3' di lettura 10/05/2013 - Comportamento antisindacale. E' con questa motivazione che la Filca-Cisl ha denunciato i vertici della Isa di Bastia Umbra che avevano chiesto un’ora di lavoro in più su alcune linee. A fianco dell’azienda scende in campo Confindustria Perugia, che affiancherà l'azienda anche in sede legale per “tutelare il diritto di tutti al lavoro”.

“In un contesto drammatico per la nostra economia, in cui le aziende lottano ogni giorno per sopravvivere e mantenere quote di mercato e livelli occupazionali, di fronte a una normalissima richiesta di flessibilità dell’orario di lavoro, per rispondere con tempestività alle mutevoli richieste della clientela internazionale, si verifica che l’imprenditore venga denunciato per comportamento antisindacale”. E’ quanto si legge nella nota di Confindustria, scesa in campo a difesa dei vertici della Isa.
“A fronte della richiesta di utilizzo di uno strumento previsto dal contratto nazionale di categoria (un’ora in più di lavoro a settimana su alcune linee) e migliorato da accordi aziendali regolarmente sottoscritti dalla maggioranza della RSU e dalle Organizzazioni sindacali Fillea-Cgil e Feneal-Uil - prosegue la nota di Confindustria -, un esiguo gruppo di lavoratori iscritti alla Filca-Cisl sta ponendo in essere ogni tentativo, anche intimidatorio, nei confronti degli altri colleghi di lavoro, per contestare in modo artificioso e strumentale tale richiesta dell’azienda dettata da positive esigenze produttive.
Non solo. Filca-Cisl – nonostante le precise disposizioni contrattuali e gli accordi aziendali firmati dalle altre rappresentanze sindacali largamente maggioritarie – ha denunciato l’azienda per comportamento antisindacale.
Sembra paradossale, quindi, che in una situazione di crisi profondissima in cui il lavoro dovrebbe essere difeso al di sopra di tutto, un’Organizzazione sindacale che a parole, in ogni occasione, compreso il recente Congresso regionale, chiede a gran voce la difesa a oltranza delle attività produttive invocando alleanze anticrisi tra lavoratori ed imprenditori, avalli e assuma comportamenti palesemente incoerenti con gli obiettivi dichiarati.
Confindustria Perugia, dopo aver svolto ogni possibile tentativo ai vari livelli (di categoria e confederale) per far comprendere la grave situazione in atto, che rischia seriamente di condizionare il proseguimento della stessa attività imprenditoriale, intende denunciare quanto sta accadendo e valuterà la possibilità di affiancare l’azienda, anche in giudizio, a testimonianza della necessità di contrastare ogni tentativo capace di condizionare, soprattutto in un momento come l’attuale, le attività produttive nelle aziende che con sacrificio e impegno si sforzano di resistere alla crisi e di salvaguardare il lavoro dei propri collaboratori.
Non si tratta, in questo caso, di diritti violati o di contratti non rispettati, ma, incredibilmente, della necessità di tutelare il lavoro e l’azienda che cerca in tutti i modi di garantirlo a tutti e nel pieno rispetto delle regole contrattuali.
Quello denunciato da Confindustria Perugia è solo l’ultimo e più eclatante episodio di una strategia destabilizzante per gli equilibri aziendali, da tempo messa in atto da un gruppo sparuto di lavoratori che creano difficoltà a tutti gli altri lavoratori che manifestano ormai una palese insofferenza per la situazione invivibile che si sta delineando all’interno dell’azienda.
È ora che chi assegna giudizi e voti agli altri (Organizzazioni, Istituzioni, Associazioni di categoria), provi a giudicarsi con sana autocritica nell’interesse generale del lavoro e del bene comune. Anche se ciò dovesse significare la rinuncia a qualche iscritto che rischia di trascinare la Cisl fuori dai binari delle corrette relazioni industriali. Relazioni che si devono basare su un sano confronto tra le parti sociali e non passare attraverso le vie legali”.






Questo è un articolo pubblicato il 10-05-2013 alle 03:27 sul giornale del 10 maggio 2013 - 2431 letture

In questo articolo si parla di lavoro, isa, annamaria volpi, bastia umbra

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/MLN