Calendimaggio, il bilancio di Rita Pennacchi: ''Festa in piena salute''

Rita Pennacchi 3' di lettura 20/05/2013 - “Una bella edizione di Calendimaggio”. Così si sono espressi il Magistrato dell’Ente Calendimaggio Rita Pennacchi ed i suoi più stretti collaboratori.

“Benché alla vigilia fossero sorte alcune preoccupazioni, dopo le ben note vicende che ci hanno accompagnato durante tutto il corso dell’anno, dobbiamo constatare con grande gioia che la festa, ancora una volta, ha avuto la meglio sulle realtà contingenti. Naturalmente il merito di ciò va ascritto alle due Parti che sono state le vere artefici di questo indubbio successo”.

“Naturalmente – sottolinea Rita Pennacchi - non bisogna dimenticare tutti coloro che in forma volontaria hanno contribuito, non poco, al successo della manifestazione. Un grazie particolare va a tutti gli stretti collaboratori che si sono preziosamente prodigati all’interno della Taverna”.

In effetti l‘edizione numero sessanta della festa è stata sicuramente all’altezza delle aspettative. E la Pennacchi può, con soddisfazione, archiviare il suo terzo anno di mandato consegnando al futuro Presidente dell’Ente una manifestazione in piena salute.
Di sicuro livello sono state le “Scene di Parte” realizzate nei vicoli più suggestivi della Magnifica e della Nobilissima. Molto apprezzate da una giuria attenta e competente che, in maniera netta e totale, si è fatta trascinare dal clima di Calendimaggio partecipando in modo completo agli eventi, come risulta dai giudizi espressi: entrambi molto positivi e propositivi.
Belli anche i cortei in piazza con le due Parti tese a superarsi nel presentare al pubblico, accorso numeroso sulla tribuna, due temi classici di Calendimaggio molto ben realizzati. Cortei senza sbavature, di notevole impatto, nella piena tradizione della festa.
Veramente appassionante, oltreché suggestiva, la sfida canora tra i due Cori che, mai come in questa edizione, hanno saputo affrontarsi con esibizioni di alto livello qualitativo.

Ha vinto la Magnifica Parte de Sotto, certamente con merito, ma anche la Nobilissima Parte de Sopra ha saputo interpretare al meglio lo spirito di Calendimaggio. Ma soprattutto ha vinto anche quest’anno la festa.

Adesso, fino alla scadenza del mandato, che avverrà a settembre, si faranno i conti e si tireranno le somme di un triennio molto molto impegnativo. Restano sul tappeto alcuni problemi da risolvere oltre ai tanti ai quali l’Ente ha dato soluzione. Tra questi sicuramente una riflessione seria e costruttiva sullo statuto da modificare, sul problema delle sedi per le due parti, sugli impegni economici che ogni anno si fanno più pressanti anche alla luce di una situazione generale complessa e difficile.
Resta però la netta convinzione che questo Ente sia riuscito a governare tutti i problemi, che nel corso del triennio si sono presentati, con autorevolezza e spirito costruttivo, riuscendo, alla fine, a riconsegnare a chi verrà in seguito una festa in piena salute.

Infine un appello: il Presidente Rita Pennacchi rivolge a tutti coloro che hanno a cuore la festa di Primavera l’invito a devolvere il proprio 5 per mille al Calendimaggio, ricordando a tutti il numero di codice fiscale da riportare nella propria dichiarazione dei redditi: 01760670545. Tale gesto, pur non comportando alcun onere aggiuntivo a quanto già dovuto nella dichiarazione dei redditi, serve a contribuire in modo tangibile affinché la Festa possa crescere e prosperare.


da Rita Pennacchi
Presidente Ente Calendimaggio Assisi





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-05-2013 alle 13:20 sul giornale del 21 maggio 2013 - 1151 letture

In questo articolo si parla di attualità, assisi, ente calendimaggio, rita pennacchi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Nbx