Tasse, Freddii: ''Bilancio 2013 attento alle famiglie''

Rino Freddii 2' di lettura 10/06/2013 - Quello approvato nella serata del 7 giugno è stato sicuramente il bilancio più complicato da redigere, sia per le ridotte risorse disponibili, sia per il numero e l’importanza delle emergenze e delle priorità che la crisi in atto ci mette quotidianamente davanti.

Per arrivare alla proposta conclusiva sono state necessarie interminabili riunioni con ipotesi, proiezioni e simulazioni non certo agevolate dai micidiali tagli per oltre 5 milioni di euro in due anni e dalla mancanza di direttive chiare e definitive da parte del precedente governo. In questo momento fra disoccupazione, cassa integrazione, mobilità e carovita, quella che sta pagando il prezzo più alto è sicuramente la famiglia ed è per questo che abbiamo cercato di non aggravare la situazione lasciando l’addizionale IRPEF a zero e non aumentando mense e trasporti scolastici. La rimodulazione dell’IMU ha consentito inoltre di abbassare l’aliquota per la prima casa e di non aumentare quella per le abitazioni utilizzate dai figli.
Oltre a lavorare con successo per organizzare ed ospitare eventi di respiro nazionale ed internazionale, tre sono le nostre scelte di fondo per la filiera turismo-cultura: non aumentare l’IMU per alberghi ed agriturismi, non introdurre la tassa di soggiorno e completare tutte le infrastrutture necessarie per accogliere al meglio sempre più manifestazioni, mostre, convegni e quant’altro.
Oggi più che mai è prioritario risolvere il problema della disoccupazione. L’Amministrazione Comunale è chiaramente disarmata di fronte a questa emergenza; tuttavia, nonostante le poche risorse a disposizione, abbiamo previsto un piano di investimenti per opere e manutenzioni che, patto di stabilità permettendo, consentirà se non di risolvere i problemi almeno di dare una boccata di ossigeno a quelle imprese impegnate nell’edilizia pubblica. Come lo snellimento dell’iter burocratico e soprattutto la vicina adozione del nuovo PRG riuscirà ad interrompere l’emorragia di manodopera e a dare il giusto impulso all’edilizia privata.
Quindi un bilancio serio, puntuale, tecnicamente perfetto e rispondente, per quanto possibile, alle esigenze dei cittadini e del territorio. Un bilancio che dimostra una grande capacità di gestione del denaro pubblico e un’attenzione particolare per quello delle famiglie e delle imprese.


da Rino Freddii
Gruppo consiliare Popolo della Libertà





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-06-2013 alle 02:51 sul giornale del 10 giugno 2013 - 1516 letture

In questo articolo si parla di rino freddii

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/N3B





logoEV
logoEV