Raccolta differenziata, Sel: ''Un disastro anche nel 2012, ma la Tares raddoppia''

Mastelli raccolta differenziata 2' di lettura 14/06/2013 - Come è andata la raccolta differenziata dei rifiuti nel 2012 ad Assisi? Un disastro, come sempre negli anni recenti, quelli delle amministrazoni Ricci sindaco. I numeri, resi noti in questi giorni, parlano da soli.

La città è appena al 23,97%, ultima tra i comuni dell'Ati 2 che hanno realizzato invece una media superiore al 50%, ultima a pari (de)merito con Orvieto tra i 19 comuni umbri con più di 10.000 abitanti, circondata dalle altre realtà del comprensorio e confinanti che continuano invece a crescere in maniera virtuosa e si attestano su ben altre percentuali (Bastia Umbra 53,61%, Perugia 54,19%, Torgiano addirittura 75,16%, Bettona 56,43%, Cannara 61,37%).
Il solito, modestissimo risultato di Assisi anche nel 2012 si riscontra tra l'altro a fronte di un ulteriore calo diffuso in tutta la regione dei rifiuti urbani, -2%, e ad una produzione pro capite anche essa in diminuzione del 2,25%, dovuta alla contrazione dei consumi a causa della crisi economica.
In questo quadro desolante che riguarda la raccolta differenziata e più in generale la gestione del ciclo dei rifiuti è arrivata sempre in questi giorni la sorpresa: "Il Sindaco della Città di Assisi Claudio Ricci, con il sostegno e la condivisione del Vice Sindaco Antonio Lunghi e dell’Amministrazione Comunale tutta (loro comunicano con il resto del mondo sempre con questo bizzarro incipit)" annunciano a tutti cittadini e a tutte le imprese che la tassa sui rifiuti praticamente nel 2013 raddoppia.
Si passa dai 3,4 milioni di euro dello scorso anno dell'ex Tarsu agli oltre 6 milioni della nuova Tares inseriti nel bilancio di previsione già approvato.
Che cosa hanno fatto in tutti questi anni le amministrazioni guidate da Claudio Ricci sulla questione smaltimento rifiuti ? Solo interventi bizzarri come la realizzazione di prototipi denominati " cassonetti d'autore " (2008) e surreali proposte elettorali per costruire ad Assisi micro termovalorizzatori (2010). Risultato: la raccolta differenziata è crollata dal 40% di circa un decennio fa al 24% scarso attuale .
Sinistra Ecologia Libertà ad Assisi ha già avanzato più volte proposte non velleitarie per intervenire concretamente nella filiera dello smaltimento dei rifiuti: riduzione, raccolta differenziata, riuso . Una strategia rifiuti zero entro il 2020 senza discariche, senza inceneritori. Continueremo a riproporle come un mantra nella convinzione che i cittadini e le cittadine del comune sui temi della sostenibilità ambientale sono molto più attenti e sensibili di chi attualmente li amministra.


da Sinistra Ecologia Libertà
Circolo "Bellaciao" Assisi




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-06-2013 alle 15:46 sul giornale del 15 giugno 2013 - 1609 letture

In questo articolo si parla di attualità, Sinistra Ecologia Libertà, sel assisi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/OgA





logoEV
logoEV