Giornata dell'albero, Travicelli: ''Un albero per ogni nato anche ad Assisi''

Piantare un albero 3' di lettura 22/10/2013 - Per mezzo di un’interrogazione urgente, il consigliere comunale Claudia Travicelli, esponente dei Democratici e popolari per Assisi, ha voluto porre all’attenzione del sindaco e del consiglio comunale un’iniziativa in programma per il 21 novembre, proclamata “Giornata dell’albero”.

“Il Consiglio dei Ministri - scrive Travicelli - ha approvato il disegno di legge sullo “Sviluppo degli Spazi Verdi Urbani” che - fissa alla data del 21 novembre la “Giornata nazionale degli alberi”, (legge "Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani”).Si tratta di una legge che, come afferma il Ministro dell'Ambiente, Corrado Clini, rappresenta un passo importante per lo sviluppo sostenibile delle città italiane e per diffondere la cultura del verde. Con questo provvedimento si mira a conservare la biodiversità e ad aumentare il numero degli alberi. Al tempo stesso, si vuole ridurre l'inquinamento, proteggere il territorio dal dissesto e stimolare comportamenti quotidiani virtuosi. Attraverso la valorizzazione dell'ambiente e del patrimonio arboreo e boschivo, lo Stato italiano cerca così di attuare il protocollo di Kyoto e «le politiche di riduzione delle emissioni, la prevenzione del dissesto idrogeologico e la protezione del suolo, il miglioramento della qualità dell'aria, la valorizzazione delle tradizioni legate all'albero nella cultura italiana e la vivibilità degli insediamenti urbani.
Premesso ciò, la sottoscritta Consigliera Comunale,
Interroga l’Amministrazione comunale di Assisi:
Visto che la legge ha come obiettivo una gestione del territorio che sia idonea a perseguire gli obiettivi nazionali di riduzione delle emissioni inquinanti, oltre che rafforzare il patrimonio arboreo, con immediati effetti positivi sull’assetto idrogeologico del territorio.
PROPONE:
Al Comune Assisi di piantare un albero per ogni nato.
In tal senso, vorrei ricordare l’opera avviata nel 2008 dall’allora Vice-Presidente della Comunità Montana Luigi Marini, il quale all’interno del Parco del Monte Subasio attrezzo un’area dedicata. Si potrebbe continuare con il piantare alberi in quella zona ed individuare altre zone all’interno del territorio di Assisi.
CHIEDE:

- All’Amministrazione comunale un censimento ed una classificazione annuale del patrimonio arboreo presente sul proprio territorio;
- che venga elaborato un programma, dettagliato nei tempi e nei modi, di ripristino del patrimonio arboreo del nostro comune scegliendo correttamente le specie vegetali, curandone la manutenzione;
- che siano previste negli spazi urbani aree verdi estese in proporzione alle nuove costruzioni;
- che anche nelle vecchie e nuove strade fuori dell’abitato sia prevista la piantumazione lungo il tracciato di alberi;
- che si verifichino con una ricognizione le eventuali alterazioni e problematiche di stabilità degli alberi, lungo tutte le strade ed il territorio del Comune di Assisi, per proteggere e tutelare l’incolumità delle auto e dei pedoni. In tal senso, qualora gli uffici lo reputino opportuno si potrebbe pensare di affidare tale ricognizione all’ agenzia forestale regionale”.


da Claudia Travicelli
Gruppo consiliare Democratici e popolari per Assisi




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-10-2013 alle 01:53 sul giornale del 22 ottobre 2013 - 836 letture

In questo articolo si parla di attualità, assisi, claudia travicelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Tp6


MARINA MARINI

22 ottobre, 10:39
ricordo al consigliere Travicelli che in merito alla sua segnalazione esiste , penso non abrogata, una legge regionale dell'Umbria che obbliga o obbligava sin dal 1995 i Comuni a piantumare un albero per ogni nato. Norma mai applicata. Perché ????? Sarebbe sufficiente comunque una più attenta manutenzione delle esistenti aree a verde pubblico : molte in ogni frazione ...sono diventate incolti e in queste la sostituzione delle alberature ormai secche per mancata manutenzione sia da parte della amministrazione sia da parte dei cittadini, che non collaborano in tal senso, dopo la loro avvenuta cessione alla amministrazione comunale. La sola zona che sembra abbia un po' di manutenzione è la frazione di S. Maria, le altre sono abbandonate a se stesse come non fossero territorio comunale

Luigi Marini

22 ottobre, 16:10
Cara Claudia, nel complimentarmi per la memoria ferrea, ti ringrazio per esserti ricordata del piccolo "Parco naturale attrezzato" che con non poche difficoltà riuscimmo a realizzare nel 2008 grazie alle maestranze dell'allora Comunità Montana del Subasio che ripuli sapientemente quel "serpaio", sarebbe bello completare quello che era il progetto iniziale che prevedeva giochi per bambini, altre panche con tavoli ed una fontanella. Sarebbe altresi bello continuare a piantarvi alberi dedicati ad ogni nato in Assisi.
Luigi Marini

Salmastro

22 ottobre, 18:15
Già ci pensó la Buonanima a suo tempo, mi pare si chiamasse "festa degli alberi" mi fa piacere che anche se con ritardo siete capaci di copiare.