Le cerase e i mostaccioli presenta: il pan nociato di Todi

Pan nociato Todi 2' di lettura 03/12/2013 - Carissimi Amici di Vivere Assisi, per questo nuovo appuntamento gastronomico ho pensato di proporvi il "Pan Nociato di Todi", un’antica tipologia di pane rustico, arricchito da pecorino, gherigli di noci e olio nuovo E.V.O.

L’antica tradizione locale vuole che lo si prepari durante il periodo compreso tra l’autunno e l’inverno, tanto che questo tipo di pane è nominato anche in una poesia di Guido Discepoli, "Novembre". La ricetta del Pan Nociato, molto simile a quella ancora in uso, compare già nell'Annuario di Todi del 1927, come testimonia il testo di Remo Coppini, “Umbria a tavola”, Edizioni Guerra, Perugia 1983. Il pane realizzato con il formaggio è un'eredità del mondo classico: infatti lo nomina già Sofrone, patriarca di Gerusalemme nel VI secolo, nella tarda latinità, quando invita ad assaggiare "un pane al formaggio per i bambini".
Pan nociato di Todi
Ricetta di Chiara Giontoni
Ingredienti
250 gr. di farina “00” biologica
25 gr. di lievito di birra
80 gr. di gherigli di noci
150 gr. di pecorino di Norcia
4 cucchiai di olio nuovo E.V.O.
acqua q.b.
sale e pepe q.b.
Procedimento
Sciogliete il lievito in un bicchiere d’acqua tiepida e leggermente salata, poi sulla spianatoia disponete la farina a fontana e al centro versate il lievito sciolto, impastate accuratamente il composto e continuate a lavorarlo per almeno dieci minuti, fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.
Trascorso il tempo di lavorazione, con l’impasto ottenuto formate una palla e ponetela in una ciotola infarinata, poi copritela con un torcione e lasciate lievitare in un luogo tiepido, fino a che l’impasto non avrà raddoppiato il suo volume.
Trascorso il tempo di lievitazione, preriscaldate il forno a 200° e ponete nuovamente la pasta sulla spianatoia, grattugiate metà del pecorino e tagliate a cubetti la restante metà, poi spezzettate grossolanamente i gherigli di noci ed unite all’impasto il pecorino, le noci, l’olio nuovo E.V.O., il sale ed il pepe.
Impastate nuovamente, fino ad amalgamare in modo omogeneo tutti gli ingredienti, formate un panetto tondo ed infornatelo a 200°per circa 40 minuti.
Terminata la cottura mettete il Pan Nociato su una griglia e lasciatelo raffreddare a temperatura ambiente.
Secondo la più antica tradizione umbra potete servire questo pane come companatico, per accompagnare antipasti misti di norcineria e formaggi, abbinati al all’ottimo vino rosso Sagrantino di Montefalco, oppure se preferite potrete accostare questo pane ad ingredienti dolci, come gustose marmellate di agrumi biologici fatte in casa, che potrete assaporare durante la colazione o la merenda.







Questo è un articolo pubblicato il 03-12-2013 alle 02:58 sul giornale del 03 dicembre 2013 - 2806 letture

In questo articolo si parla di attualità, cucina, gastronomia, assisi, tradizione, chiara giontoni, le cerase e i mostaccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Vo6

Leggi gli altri articoli della rubrica Le Cerase e i Mostaccioli