Teatro Metastasio, la compagnia Chiara di Dio: ''Ecco chi siamo''

Musical Chiara di Dio 4' di lettura 10/03/2014 - Siamo giovani provenienti da varie località d'Italia, riuniti in una Compagnia teatrale. Abbiamo studiato arte, danza e teatro nell'Accademia dell'associazione Dare al Lago di Monte Colombo di Rimini.

L'Associazione umanitaria Dare si è fatta carico delle spese dei nostri studi e, per chi di noi aveva superato gli esami previsti dalla Royal Academy of Dance di Londra, di procurarci un lavoro. A turno ci alterniamo ad Assisi nel Teatro Metastasio non solo per interpretare il musical Chiara di Dio, ma anche nel proseguire gli studi ed attivare, per chi ha conseguito il diploma di insegnante, dei corsi di danza, recitazione e canto rivolti ai giovani assisani.
È questo il motivo per cui rinunciamo a svaghi e divertimenti anche se, non desiderando rimanere circoscritti nel nostro ambito, abbiamo accettato ben volentieri l'invito del vescovo di animare sia la messa che l'Adorazione; quello di alcuni sacerdoti di conoscere, inserirci o seguire gruppi di compagnie parrocchiali amatoriali; non ultimo quello di alcuni presidi di organizzare dei laboratori teatrali per i propri istituti.
Nel 2008 l'Associazione Dare, che ci aiuta e sostiene, chiese al Comune di Assisi dove poter rappresentare una sua produzione: lo spettacolo Chiara di Dio di Carlo Tedeschi.
Il musical era stato richiesto all'autore e regista dal Comune stesso e dal Santuario di San Damiano in occasione del 750° della morte di S. Chiara.
Venne proposto il Teatro Metastasio in disuso e stato di abbandono da anni. Il locale necessitava dunque di essere ripulito, di lavori urgenti ed indispensabili oltre, naturalmente, nel rispetto delle attuali norme di sicurezza, di quelle opere straordinarie di ripristino delle necessarie condizioni di agibilità, igiene e funzionamento.
L'Associazione Dare accettò e da allora si è impegnata non solo per la bonifica del teatro, ma anche a pagare, per la Compagnia teatrale di allora, l'affitto degli appartamenti utili al suo trasferimento a S. M. degli Angeli.
Nel 2010 la Curia di Assisi offrì l'uso di una grande casa a Capodacqua di Assisi (PG) dove poter risiedere; l'Associazione risparmiò così le spese dei vari affitti, ma non quelle di rendere più fruibile tale abitazione, con l’ultimazione del sottotetto e la suddivisione della struttura in un appartamento per i ragazzi, uno per le ragazze e delle camere matrimoniali sia per le coppie di coniugi che per le figure genitoriali (alcuni ragazzi della compagnia sono minorenni e frequentano la scuola dell'obbligo ad Assisi).
In questa casa condividiamo momenti di preghiera, pranzo e cena, ed essendo giovanissimi, un percorso di organizzazione di vita quotidiana e di fraternità. Questo ci permette inoltre un certo risparmio in quanto l'Associazione ha lasciato totalmente a nostra disposizione l'utile derivato dalle rappresentazioni teatrali e dall'Accademia, che gestiamo quindi autonomamente.
Le spese sostenute dall'Associazione Dare per le attività svolte ad Assisi dal 2003 al settembre del 2013 ammontano a:
€ 1.445.575,43 in gestione automezzi, pubblicità, utenze di energia elettrica, acquedotto e riscaldamento, assicurazioni, affitti, imposte SIAE, impianti audio/luci, scenografie, etc. Escludendo il costo della manodopera dei professionisti - elettricisti, idraulici, muratori, ma anche insegnanti, coreografi, figure genitoriali nonché il regista Carlo Tedeschi - che vi hanno operato volontariamente e gratuitamente, alternandosi da allora fino ad oggi per sostenere tutti i giovani che hanno partecipato a questa iniziativa.
Le spese sono state enormi e non appartengono ad una logica umana di investimento di capitale in quanto è impossibile che l'Associazione rientri di tali spese; se ne possono invece comprendere, guardando lo statuto e le finalità della stessa, gli scopi umanitari ed il perché essa abbia “investito” moralmente e spiritualmente solo sulla realizzazione di noi giovani.
Di ciò siamo e saremo infinitamente grati.
Il Comune, però, ha comunicato all'Associazione Dare che prossimamente inizieranno i restauri strutturali che riporteranno il Teatro Metastasio al vecchio splendore dell'Ottocento, e che dovremo pertanto lasciarlo.
Noi ci rendiamo conto che il teatro appartiene agli abitanti di Assisi e ben volentieri lo abbiamo condiviso o lasciato libero dalle nostre cose ogni volta che ci è stato richiesto. Ci siamo altresì assunti in diverse occasioni l'impegno dell'accoglienza e della cura delle varie iniziative comunali o private che il teatro ha ospitato. Gli intendimenti dell'Associazione ed i nostri sono quelli di offrire un buon servizio alla cittadinanza di Assisi attraverso gli spettacoli, l'Accademia e la nostra presenza anche nelle varie realtà limitrofe.
Speriamo con tutto il cuore che chi leggerà queste righe possa capire che quella dell'Associazione non è stata, così come la nostra non è, una speculazione commerciale, ma un impegno professionale, sociale ed umanitario.
La nostra Compagnia teatrale ed i nostri cuori sono aperti a tutte le famiglie e ai giovani che vogliano condividere i valori della Pace, dell'Amore e della Fratellanza che Assisi incarna nella figura di San Francesco che noi tanto ammiriamo.


Nella foto:
un momento del musical “Chiara di Dio”


dalla Compagnia teatrale “Chiara di Dio”





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-03-2014 alle 03:03 sul giornale del 10 marzo 2014 - 1935 letture

In questo articolo si parla di teatro, attualità, assisi, teatro metastasio, compagnia teatrale chiara di dio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ZFp