Bastia Umbra: il capo della Protezione civile Gabrielli incontra i volontari

3' di lettura 14/04/2014 - “Non potevo mancare ad un appuntamento così importante, in una regione così importante per la protezione civile, dove in questi anni si è realizzato un felice binomio fra amministrazioni capaci e popolazioni sensibili, che hanno fatto dell’Umbria un punto di eccellenza nel sistema nazionale della Protezione Civile”.

Con un ramoscello d’olivo, simbolo della Domenica delle Palme, che ha tenuto in mano per tutta la visita, il Prefetto Franco Gabrielli, Capo del Dipartimento della Protezione Civile, ha salutato così i tanti volontari, convenuti nelle loro uniformi multicolori da varie parti dell’Umbria e da altre regioni, in occasione della giornata conclusiva di “ExpoEmergenze/ Prodotti/ Tecnologie/ Servizi”, che si è tenuta, promossa per la terza volta dalla Regione dell’Umbria, presso il Centro Fiere “Lodovico Maschiella” di Bastia Umbra.
Quattro giorni di mostra di mezzi e materiali, convegni e dibattiti su tutto quanto fa protezione civile.
Gabrielli, che avrebbe dovuto partecipare giovedì scorso alla cerimonia di apertura, impossibilitato a farlo per un’indisposizione e comunicato ieri sera “last minute” la sua presenza nella giornata di chiusura, ha visitato i vari padiglioni di “ExpoEmergenze” con i rappresentanti della presidenza della giunta regionale, per poi esprimere alle centinaia di volontari l’apprezzamento per il loro impegno, definendo il mondo del volontariato della protezione civile “una eccellenza per la comunità, ma anche per il paese”. Sono i volontari che contribuiscono a far crescere diffusamente la cultura della protezione civile – è stato riferito dai rappresentanti della presidenza della Regione -, così come la conoscenza del territorio, a cui i volontari dedicano tempo, impegno ed energia.
La presidenza ha ringraziato l’organizzazione di “ExpoEmergenze”, gli espositori, il sistema pubblico della protezione civile, Vigili del Fuoco e forze dell’ordine per la riuscita e l’interesse suscitati dalla manifestazione. L’Umbria – ha aggiunto – è tradizionalmente una terra di solidarietà e di generosità civile, e a questi valori s’ispirano e contribuiscono a sviluppare i 3 mila volontari e le 103 associazioni che in Umbria partecipano al sistema organizzato della protezione civile. A tutti loro un grazie di cuore.
Gabrielli e la presidenza della Regione, guidati dal responsabile dell’organizzazione Giorgio Menichini, si sono soffermati nei vari stands di ExpoEmergenze, da quelli dedicate alle ambulanze e ai mezzi di soccorso sanitari alle strutture per la protezione civile e l’emergenza, dall’antincendio ai mezzi a disposizione delle forze dell’ordine. “Bisogna investire nel volontariato – ha affermato Gabrielli –, anche con le poche risorse a disposizione”. Parlando del futuro della protezione civile, il Prefetto ha sottolineato la necessità di una “razionalizzazione del settore”, che tuttavia – ha ammonito – “non deve scalfire l’architettura attuale, che vede nelle Regioni lo ‘snodo’ delle attività sul territorio. Bisogna certamente migliorare il sistema – ha aggiunto -, cogliere le opportunità offerte dalle riforme e dalle modifiche costituzionali, ma senza indebolire il buono che è si è costruito in questi anni: il nostro è un mondo che deve guardare con speranza al futuro, abbiamo dietro esperienze e capacità che non devono essere disperse: sarebbe miope e follia – ha concluso Gabrielli – tornare indietro”. “Occorre – ha detto per parte sua la presidente Marini – che, in un sistema solidale fra i livelli istituzionali nel territorio e nella primazia dello Stato, prevalga una protezione civile ispirata da un senso cooperativo e collaborativo”. Intervistato in diretta da “Radio Perusia”, Franco Gabrielli si è occupato anche del recupero del relitto della “Costa Concordia”. “Siamo all’ultimo miglio – ha detto il Prefetto -, annunciando che “soluzioni saranno vagliate nei prossimi giorni”, nel rispetto di due priorità, tutelare l’ambiente ed evitare che “interessi particolari prevalgano sull’interesse generale”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-04-2014 alle 03:17 sul giornale del 14 aprile 2014 - 550 letture

In questo articolo si parla di cronaca, umbria, regione umbria

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/2w6