Padre Giuseppe Piemontese è il nuovo vescovo di Terni

Padre Giuseppe Piemontese 16/04/2014 - Un uomo “saggio, buono e retto”: così i frati francescani del sacro convento di Assisi definiscono padre Giuseppe Piemontese, custode emerito del convento francescano della città serafica, nominato da papa Francesco alla guida della diocesi di Terni nel giorno stesso in cui monsignor Vincenzo Paglia entrò nella stessa diocesi.

“Siamo sicuri - commentano i frati di Assisi - che i valori che lo hanno sempre guidato nel suo cammino anche in questa nuova missione lo contraddistingueranno, perché da tutti riconosciuto come uomo di Dio, uomo accanto agli ultimi, uomo vicino alle speranze e alle gioie delle persone che incontra. Al Sacro Convento con la sua lungimiranza ha saputo porre fine ad una controversia sulla proprietà della piazza inferiore della Basilica di San Francesco che durava dai Patti lateranensi. Al Sacro Convento ha accolto con la sua semplicità pellegrini, poveri, leader religiosi, potenti e uomini di buona volontà. A Terni la tradizione francescana lo aiuterà a vivere in pienezza l'Evangelii Gaudium di Papa Francesco”.
“Con fedeltà e passione - commenta il suo successore alla guida del sacro convento di Assisi, padre Mauro Gambetti - padre Giuseppe ha servito per quattro anni la comunità francescana che custodisce le spoglie di San Francesco come custode generale ed ora, secondo l'insegnamento del nostro Serafico Padre, ha risposto affermativamente ad una nuova “chiamata” che il Signor Papa gli ha rivolto. Padre Giuseppe è stato scelto per servire il popolo di Dio stringendosi sempre più a Gesù Cristo Buon Pastore, che è venuto "per dare la propria vita in ricatto per molti". Mentre ci rallegriamo e rinnoviamo la nostra riconoscenza per quanto ha fatto per noi, fin d'ora affidiamo al Poverello di Assisi la nuova missione che gli è stata chiesta e i fedeli della Sua Diocesi”.
L’annuncio della nomina di Padre Giuseppe Piemontese a Vescovo della Diocesi di Terni-Narni-Amelia, dato ieri dal Papa, è stato accolto con soddisfazione e apprezzamento dalla presidenza e da tutta la giunta regionale dell’Umbria. Di Padre Piemontese, che è stato custode del Sacro Convento di Assisi, i rappresentanti regionali evidenziano innanzitutto le doti umane, non solo di guida della comunità francescana di Assisi, ma anche di uomo del dialogo, sempre disponibile al confronto ed alla collaborazione con le istituzioni, e l’impegno verso la comunità civile.
Altrettanto significativo, viene sottolineato, è il modo e lo stile con il quale Padre Piemontese interpreta e testimonia il messaggio francescano, mettendo al centro della sua missione l’attenzione verso gli ultimi e l’impegno per tenere sempre alto il dialogo tra i popoli e per la pace. Caratteristiche che, per il rappresentante della Presidenza della Regione, Padre Piemontese metterà al servizio della nuova missione cui il Papa lo ho voluto chiamare, nominandolo alla guida della Diocesi di Terni-Narni-Amelia. A Terni, soprattutto, sono oggi centrali i temi del lavoro, del futuro di una realtà industriale che vive momenti di incertezze e mutamenti. La forte e profonda spiritualità di Padre Piemontese, ed anche il suo pragmatismo, si rileva, sono doti che saranno molto preziose nella guida non solo della comunità di quella che sarà da ora la sua “diocesi”, ma anche di tutta la comunità regionale.
La sua nomina assume, inoltre, una importanza particolare in riferimento al fatto che è – dopo cento anni - il primo vescovo francescano in Umbria ed il primo Custode del Sacro Convento che viene nominato Vescovo in terra umbra. A Padre Piemontese va il più sincero augurio di buon lavoro da parte di tutta la Giunta regionale.
Anche il sindaco di Assisi Claudio Ricci, in una nota, ha espresso “ampia gioia” e formulato i migliori auguri di buon cammino pastorale e spirituale al nuovo vescovo di Terni, padre Piemontese, formulando “i migliori auguri di buon cammino pastorale e spirituale e assicurando vicinanza sincera della città di Assisi”. “Padre Giuseppe Piemontese, ora eccellenza vescovo di Terni - sottolinea Ricci -, è persona di grande profondità spirituale, umanità e discrezione a cui unisce mirabile sintesi operativa. Certamente - prosegue - svolgerà al meglio il ruolo di vescovo di Terni e il sindaco Claudio Ricci ricorda il positivo periodo da custode del Sacro Convento nel quale Padre Giuseppe Piemontese portò a compimento anche lo storico atto di convenzione, fra Comune e Sacro Convento, per la definizione dei rapporti di gestione, e proprietà, anche afferenti alle aree della piazza inferiore di San Francesco”.
Per la nomina congratulazioni anche da Flavio Lotti, coordinatore nazionale della Tavola della Pace. “La nomina di padre Giuseppe Piemontese a Vescovo di Terni - afferma in una nota - ci riempie di gioia e di speranza. Gioia per lo straordinario riconoscimento che un uomo mite, buono e giusto riceve da Papa Francesco. Speranza perché un frate, già Custode del Sacro Convento d’Assisi, ritorna in Umbria a custodire e sostenere una parte importante della nostra comunità regionale. In un tempo di grande precarietà e smarrimento, abbiamo bisogno di guide credibili e autentiche come padre Piemontese. Ringraziamo Papa Francesco per questa scelta che ci incoraggia a proseguire il nostro impegno di pace #sui passi di Francesco”.






Questo è un articolo pubblicato il 16-04-2014 alle 23:47 sul giornale del 17 aprile 2014 - 1218 letture

In questo articolo si parla di cronaca, chiesa, assisi, sara caponi, terni, padre giuseppe piemontese, articolo, diocesi di terni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/2Ik