Bilancio, la difesa di Freddii: ''Ecco gli obiettivi della maggioranza''

Rino Freddii 19/04/2014 - Sin dalla prima delle tantissime e lunghe riunioni che si sono rese necessarie per stilare il bilancio noi della maggioranza ci siamo dati tre obiettivi: porre la massima attenzione alle famiglie, in quanto anello debole di tutta la catena, non penalizzare il turismo e non appesantire l’indebitamento accendendo nuovi mutui.

Alle nostre proposte di:
- non introdurre l’addizionale IRPEF così da consentire ai nostri concittadini di avere in busta paga 160/200 euro annui in più (pari a 2 mensilità e mezzo della riduzione IRPEF promessa da Renzi) rispetto ai loro colleghi residenti in altri comuni;
- non istituire la tassa di soggiorno, sicuramente penalizzante per l’intera filiera del turismo;
- non aumentare le mense e i trasporti scolastici per aiutare così le coppie più giovani che hanno figli in età scolastica e che generalmente sono monoreddito;
- non introdurre la tassa di scopo per non gravare ulteriormente il carico fiscale sulla casa;
- non accendere nuovi mutui per non appesantire il piano di ammortamento;
- ridurre l’aliquota IMU dallo 0.76% allo 0.30% per le abitazioni date in uso dai genitori ai figli;
- lasciare inalterate le riduzioni sulle tariffe della nettezza urbana previste per anziani ed inabili;
i consiglieri di minoranza non hanno saputo far di meglio che contrapporre lo spostamento demagogico di qualche spicciolo di contributo da un’associazione all’altra (Lista Bartolini) e l’introduzione della tassa di soggiorno (PD). Proposta quest’ultima che ha registrato il solo voto favorevole di Pettirossi (Paoletti, chiaramente passato all’opposizione, si è astenuto allineandosi alle decisioni del suo coordinatore).
Tutto quello strombazzare per giorni e giorni che ad Assisi si pagano le tasse più alte al mondo per poi presentare solo richieste di poco conto e addirittura l’istituzione di una nuova tassa la dice lunga sulla credibilità e capacità di questa opposizione a rappresentare una valida alternativa per la guida della città.
Per quanto riguarda i “sistemi informativi multimediali” (varchi) è emersa la grande strumentalizzazione che se ne è fatta poiché nessuno è intenzionato a blindare il centro storico ed impedire il normale accesso ai servizi, alle scuole ed alle attività in genere. Così come nessuno della maggioranza è talmente arrogante ed irresponsabile da voler definire l’utilizzo di questi mezzi elettronici senza coinvolgere cittadini, associazioni di categoria, associazioni culturali, pro loco, forze dell’ordine e quanti altri saranno chiamati a rispettare e far rispettare le decisioni che si prenderanno. Vorrei tranquillizzare quanti indotti a contestare da notizie perlomeno affrettate l’atto della maggioranza: approvando il bilancio si è soltanto approvato il finanziamento per l’acquisto delle macchine rimandando ad un secondo momento, e solo dopo aver ascoltato tutte le categorie interessate, qualsiasi decisione definitiva in merito alle regole con cui saranno programmate.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-04-2014 alle 01:14 sul giornale del 19 aprile 2014 - 731 letture

In questo articolo si parla di politica, assisi, rino freddii, per assisi popolare

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/2Rb