Coppie da tutta Italia alla Cittadella di Assisi per esplorare l'universo dell'amore

01/05/2014 - Dal 1° al 4 maggio coppie e famiglie provenienti da tutta Italia si daranno appuntamento alla Cittadella di Assisi per il 36° seminario della coppia, dal titolo “La verità vi prego sulla coppia”, organizzato dalla Pro Civitate Christiana e rivolto a coniugi, fidanzati, operatori sociali e pastorali.

L'obiettivo sarà quello di indagare, senza pregiudizi, nuovi format e strategie di dinamica di coppia, in una prospettiva antropologica, bioetica, psicologica, e anche biblica e spirituale.
Il seminario cercherà inoltre di rispondere ad alcuni importanti interrogativi quali: i nuovi format di coppia sono solo adattamenti, strategie di sopravvivenza in due o l’emergere di nuovi e più consapevoli desideri? Quale il senso di un matrimonio civile? Quale il valore aggiunto del matrimonio-sacramento? E infine il meticciato culturale: un fattore che complica o arricchisce la coppia di senso e di dialogo?
Al seminario parteciperanno, tra gli altri, autorevoli antropologi, psicologi e biblisti: Luigi BOVO, psicoanalista; Rosella DE LEONIBUS psicologa e psicoterapeuta; don Antonio LOVA, volontario della Cittadella; Paolo MIRABELLA, filosofo morale, docente di Bioetica Università Cattolica, Torino; Roberta TERRENI MIRABELLA, coordinatrice infermieristica di un’unità chirurgica polispecialistica; Beppe SIVELLI, docente di psicologia clinica all’Università di Parma; Dario VIVIAN, antropologo e biblista, docente alla Facoltà Teologica del Triveneto, Vicenza.
Se la definizione di famiglia, intesa nel senso dato nel 1952 dall’antropologo Lévi-Strauss, cioè come “l’unione più o meno durevole, socialmente approvata, di un uomo, una donna, e i loro figli”, è oggi messa in profonda discussione, e occorre parlare di una pluralità di modelli (famiglie tradizionali, ricostituite, mono-genitoriali, coppie conviventi, ecc.), secondo il professor Paolo Mirabella, autore del saggio “L’oltre della coppia” (Cittadella Editrice), che interverrà al seminario di Assisi, è possibile una terza via: quella di “considerare la valenza antropologica della coppia, sia nella sua capacità di rappresentare in maniera esclusiva le potenzialità della relazionalità umana, sia della sua rilevanza sociale”. Infine riflettere sui compiti etici della coppia svolti in termini di responsabilità, senza tralasciare l’esperienza del conflitto che, se gestito consapevolmente, può offrire un contributo in vista del progetto finale di unità della coppia.

da La Cittadella
Centro Congressi, Assisi




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-05-2014 alle 03:04 sul giornale del 02 maggio 2014 - 608 letture

In questo articolo si parla di cultura, coppia, assisi, la cittadella di assisi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/3lZ