Calendimaggio, il presidente Scilipoti: ''Una splendida manifestazione. Pronti a migliorare ancora''

Paolo Scilipoti 17/05/2014 - A pochi giorni dalla chiusura della sessantunesima edizione del Calendimaggio di Assisi il presidente dell’Ente Paolo Scilipoti traccia un primo positivo bilancio della festa appena conclusa, esprimendo soddisfazione e preannunciando potenziali modifiche volte a migliorare la stessa.

In attesa di numeri e dati ufficiali, per Scilipoti quella di quest’anno “è stata una splendida manifestazione, che ci ha riservato grandi soddisfazioni sia dal punto di vista della partecipazione, sia sul piano organizzativo. La sperimentazione del verdetto appena dopo l’esecuzione dei cori è andata a buon fine, permettendo ai partaioli di godere della gioia della vittoria in una piazza ancora gremita. Ampio è stato l’apprezzamento espresso dai giurati – prosegue il presidente – i quali hanno speso per la nostra festa parole di elogio. Un elogio ricambiato, da parte nostra, per il grande equilibrio e professionalità da loro dimostrata nella valutazione dell’operato delle Parti.

Concordo con la giuria sul rammarico di un Calendimaggio per pochi, aspetto sul quale investiremo il massimo impegno affinché questa meravigliosa festa possa essere fruita da un pubblico più vasto. Tra i successi di questa edizione – sottolinea Scilipoti – un plauso va sicuramente rivolto a chi ha gestito la taverna, perfettamente integrata con la festa e molto frequentata da assisani e turisti, i quali hanno apprezzato non solo la qualità dei piatti proposti, ma soprattutto i prezzi contenuti che hanno fatto registrare un vasto pubblico rispetto al passato.

Un’ulteriore riflessione – aggiunge il presidente – va riservata al programma della manifestazione, che da quest’anno ha sperimentato alcune modifiche mostrando, tuttavia, la necessità di un ulteriore ripensamento al fine di valorizzare la giornata del giovedì e alleggerire, al contempo, quella del sabato. Naturalmente – conclude – il tutto sarà oggetto di riflessioni già dalle prossime settimane, nelle quali ci metteremo al lavoro per verificare eventuali criticità al fine di fare di più e meglio, con ulteriori interventi che possano servire per migliorare la pur già splendida festa”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-05-2014 alle 03:18 sul giornale del 17 maggio 2014 - 907 letture

In questo articolo si parla di attualità, assisi, calendimaggio, ente calendimaggio, paolo scilipoti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/4lZ


Concordo pienamente con l'osservazione della Giuria su un Calendimaggio per pochi e che invece dovrebbe essere di tutti, sopratutto dei turisti che, come non mi stancherò mai di ricordare, sono la nostra Industria.
Atra osservazione che sento doveroso fare é sull'organizzazione: potrà essere definita tale, un'organizzazione che non permetta che, dopo 7 giorni dalla festa, le strade e molte aree della città siano ancora "occupate" dai residui della festa, con bruttissimo impatto visivo della città, difficoltà nel muoversi sia a piedi che in auto e non ultimo alcune situazioni igieniche indecenti.
Credo che in altre località ove si svolgono manifestazioni del genere, l'Amministrazione Comunale, pretenda la rimessa in pristino in poche ore: bella idea da perseguire. Stassa Amministrazione che dovrebbe riattivare l'illuminazione pubblica delle aree oggetto delle scene di parte, dopo il loro termine e non dopo giorni, come quest'anno nuovamente accaduto nell'area di Parte de Sotto.

Claudioi Baldoni

19 maggio, 12:53
Concordo con la riflessione della Giuria il Calendimaggio è un avvenimento per pochi, quando invece con una migliore e diversa organizzazione potrebbe divenire anche un ooccasione di lavoro per tanti giovani disoccuppati e per aumentare la permanenza dei turisti ad Assisi. Prendiamo esempio dalla festa delle Gaite di Bevagna. Le parti però sono tale argomento da quanto mi risulta rimangono insensibili.
Chissà se qualcuno dell'Amministrazione Comunale avesse il coraggio di organizzare una tavola rotonda, insieme con gli operatori turistici di Assisi?
Claudio Baldoni