Bastia Umbra: l'appello del Movimento 5 Stelle, ''Riprendiamoci insieme la nostra città''

Camper tour Movimento 5 Stelle Bastia 4' di lettura 22/05/2014 - Riprendiamoci Bastia! Il voto di protesta datelo a chi volete, noi vogliamo un voto consapevole. Stanchi di aspettative deluse, ci siamo rimboccati le maniche per riprenderci in mano la nostra città, insieme. Tu che fai, aspetti ancora chi farà il lavoro al posto tuo? Noi non staremo altri 5 anni a guardare.

Bastia DEVE funzionare, DEVE tornare ad essere vivibile, DEVE tornare a risplendere.
Per chi non avesse ancora chiare le nostre intenzioni, vi riproponiamo quello che Marcello Rosignoli (nella foto) candidato sindaco per il M5S Bastia ha esposto in piazza al confronto di Domenica scorsa con l'aggiunta di alcune precisazioni: "No aumento tasse" le ricette Monti, Letta o Renzi si sono rivelate fallimentari; moneta locale, banca del tempo e parco tecnologico, sono i nostri tre trampolini di lancio. "Riqualificazione dei dipendenti comunali" per evitare le costose consulenze esterne e garantire l'accesso ai fondi strutturali europei senza creare nuovi carrozzoni clientelari. "Burocrazia zero" e "Consulta delle Associazioni", sia per le associazioni di categoria, sia per quelle che operano in ogni ambito: sport, cultura, religione, volontariato, ambiente, affinché incidano grazie alla loro esperienza, nel governo della città. Le buone idee non hanno colore; da qualunque parte provengano devono essere supportate. "Marketing urbano" gestione controllata dei nuovi insediamenti di grande distribuzione a favore dei piccoli commercianti. "Bilancio partecipato", tutti i bastioli decideranno come investire i soldi pubblici e le frazioni finalmente non saranno più escluse. "Riqualificazione di piazza e vicoli del centro storico" per attrarre nuove attività commerciali e ristoratizie. "Viabilità dolce", percorsi ciclabili e pedonali protetti. "Parco acquatico Nuova Eden Rock". "Creazione di una Polisportiva" per il supporto e la creazione di strutture a sostegno anche degli sport considerati minori. "Sito internet comunale", inteso come vetrina di tutte le eccellenze del territorio fino ad arrivare alla creazione di un marchio di qualità' "Made in Bastia". "Oasi fluviale del Chiascio e del Tescio", il respiro verde per i bastioli. Più di 8 km di natura per dimostrare che Bastia non deve essere relegata a spettatrice del turismo che transita, bensì renderla un'attrattiva complementare ad Assisi, puntando ad esempio sul turismo scolastico e naturalistico. "Sedi Rionali con insediamento di officine creative" dove il motore giovanile del Palio, produca energia creativa anche negli altri 330 giorni dell'anno. "Doposcuola con progetti mirati" in collaborazione con la direzione didattica.
Queste sono solo alcune delle nostre proposte, nate da esigenze dei cittadini, tutte realizzabili e non ispirate da fini elettorali. In questi anni il centrodestra di Ansideri ha escluso i cittadini dalle scelte, informandoli a progetti ormai fatti (vedi il caso dell'impianto a biomasse di Costano) e comunque ha tenuto Bastia per 5 anni nell'immobilità. Il centrosinistra con decenni di malgoverno, ha ridotto la nostra città in ginocchio, cementando tra l’altro, l'impossibile (gli stessi che oggi sbandierano l'arresto del consumo del suolo), con il risultato di aver compromesso moltissime scelte future.

"Bisogna dare l'esempio!" tuona Rosignoli: "il Movimento 5 stelle, quello che dice, fa’. E' contrario al finanziamento pubblico dei partiti ed ha restituito completamente i soldi! E' contrario alle province, infatti non si è mai presentato alle elezioni provinciali! Denuncia che la politica costa troppo ed infatti i nostri parlamentari restituiscono la maggior parte del loro stipendio! Basta chiacchiere, la credibilità mia e del movimento 5 stelle ce la giocheremo dal 9 giugno in poi, quando da una parte o dall'altra, andremo a sederci in sala del consiglio, dove finalmente conteranno i fatti e non le chiacchiere. Chiariamo ancora: noi non facciamo e non faremo mai alleanze, niente accordi elettorali con nessun partito. Se non dovessimo vincere al primo turno ed un eventuale ballottaggio dovesse vederci esclusi, noi non daremo indicazioni di voto. Scordatevelo. E' scritto nelle prime righe del nostro programma. Vi dobbiamo segnalare che esiste anche il voto disgiunto, strumento oscurato da tutti i media locali, che evidentemente seguono le indicazioni delle bandiere di turno. La possibilità di votare un candidato sindaco di una lista e dare la preferenza ad un candidato di una lista che supporta un sindaco diverso, è nato per combattere il sistema matematico della piovra delle (128) candidature dell'ultimo momento, che hanno l’unico scopo di raccogliere parenti ed amici. Noi siamo solo 16, il massimo consentito per legge ad una lista nel nostro comune. Votate. Votate in libertà. Votare è una garanzia di libertà. Bastia è la Ferrari dell'Umbria: la sinistra invece di farla correre si è rivenduta i pezzi, Ansideri l'ha tenuta ferma ai box per cinque anni, noi vogliamo riportarla al suo posto, in corsia di sorpasso".
Non mancate venerdì, ultimo giorno prima del silenzio elettorale:
dalle 21.00 alle 22.00 in Piazza ad Ospedalicchio
dalle 22.00 alle 23.00 in Piazza a Bastia
dalle 23.00 alle 24.00 in Piazza a Costano





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-05-2014 alle 17:52 sul giornale del 23 maggio 2014 - 470 letture

In questo articolo si parla di politica, Movimento 5 Stelle

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/4FO