'Il maggio dei Libri', ad Assisi un intero mese dedicato alla lettura

libri 3' di lettura 23/05/2014 - Il Maggio dei Libri è una campagna nazionale nata, nel 2011, con l’obiettivo di sottolineare il valore sociale della lettura, quale elemento chiave della crescita personale, culturale e civile. Inizia il 23 aprile, in coincidenza con la Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore promossa dall’UNESCO e si conclude il 31 maggio.

Il tema forte che si propone tale iniziativa è quello di far emergere il valore sociale e affettivo del libro: portare il libro tra la gente, distribuirlo, farlo conoscere, esaltarne tutte le potenzialità perché sia percepito nell’immaginario collettivo come un autentico compagno di vita, per favorire e stimolare l’abitudine alla lettura. Luciano De Crescenzo, (I pensieri di Bellavista, 2005) scriveva: "Per capire la differenza che esiste tra leggere un racconto su internet o su un libro, basta chiudere gli occhi e mettere il palmo della mano, prima sullo schermo e poi sulla pagina del libro. Il contatto con la carta, anche detto "libridine", ci fa capire la differenza...".
Infatti, aggiungerei, benché viviamo in questo mondo super tecnologico che ha visto nascere i tablet ebook reader il profumo del libro con le sue pagine ingiallite non potrà mai essere sostituito da niente, entrare in una biblioteca sedersi e silenziosamente ascoltare solo il girare delle pagine e iniziare a leggere solo con il rumore del tuo cuore che batte immaginando che cosa accadrà pagina dopo pagina è la sensazione più bella che possiamo vivere. Eh si... perché leggere è vivere, è immaginare, è amare, è sognare, è solitudine ma anche conoscenza di tanti personaggi che accompagneranno i tuoi giorni, è cambiamento, è insegnamento, è passione, è pensare senza essere giudicati, è capire il diverso.
Citando Gabriel García Márquez vorrei rivolgermi ai giovani dicendo loro che "Non c'è atto di libertà individuale più splendido che sedermi a inventare il mondo davanti ad una macchina da scrivere...". Vorrei che i giovani di oggi ritornassero a prendere in mano penna e foglio per scrivere le pagine del libro della loro vita con le emozioni, con i ricordi, con le lacrime, con le trepidazioni dei momenti più belli in modo che il fedele amico “libro” possa invecchiare e consumarsi insieme con loro senza che il tutto venga chiuso da un semplice “click”.
In relazione a questo auspicio si ricorda che l’amministrazione di Assisi ha promosso per due anni consecutivi due grandi appuntamenti dedicati alla lettura quali Il Premio Campiello ed Il Premio Letterario di Assisi.
Si precisa, inoltre, che nel bando del secondo si richiedono elaborati inediti di giovani autori dai 18 ai 25 anni per la sezione giovani e dai 26 anni in su per la sezione adulti, con l’esigenza di esprimere in modo personale il tema: “I cammini verso Santiago di Compostela. La riscoperta del viaggio a piedi nell’epoca della digitalizzazione. Un percorso di ricerca, spiritualità e condivisione a ottocento anni dal viaggio che intraprese Francesco di Assisi in Galizia”.

da Francesco Mignani
Giunta comunale Assisi





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-05-2014 alle 18:00 sul giornale del 24 maggio 2014 - 463 letture

In questo articolo si parla di libri, cultura, assisi, francesco mignani

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/4HN