Stefano Ansideri vince il ballottaggio e si riconferma sindaco di Bastia Umbra

Vittoria Stefano Ansideri 3' di lettura 09/06/2014 - Con un distacco di mille voti e dieci punti percentuali Stefano Ansideri si riconferma sindaco di Bastia Umbra, battendo la sfidante del centrosinistra Simona Carosati al ballottaggio per il rinnovo dell’amministrazione comunale.

Ansideri si è imposto con 5.412 voti (il 55.06% del totale) contro i 4.417 voti (44.94% del totale) ottenuti dalla sfidante Carosati. Anche il primo turno si era chiuso registrando il vantaggio di Ansideri, primo con 5.542 voti (pari al 46,47% del totale) e quasi sette punti e mezzo di distacco da Simona Carosati, seconda con 4.657 voti (pari al 39,05%) del totale. Terzo, e quindi escluso dal ballottaggio, il candidato sindaco del Movimento 5 stelle, Marcello Rosignoli, con 1.728 voti (pari al 14,49%).
“E’ un distacco che parla da solo - ha commentato Ansideri a caldo nel suo discorso in piazza - e che dimostra come i cittadini abbiano apprezzato l’attività svolta in questi cinque anni da persone serie e oneste. Il nostro - ha aggiunto - è stato un lavoro duro portato a termine solo nell’interesse per la città. Spero che nei prossimi cinque anni potremo fare ancora di più. Il nostro non è uno slogan, ma una ferma volontà”.
“E’ un grande risultato - ha invece sottolineato Carosati - per una candidata che è stata definita giovane e “poco conosciuta”. E’ stata una campagna elettorale vivace e frizzante, trainata dall’entusiasmo dei nostri giovani che porteremo anche in consiglio comunale. Questo - ha concluso - non è che un punto di partenza”.
L’affluenza ha registrato un calo rilevante che ha sfiorato il 15%. Ieri hanno infatti votato in tutto 10.028 elettori, oltre duemila in meno rispetto a domenica 25 maggio, quando a recarsi alle urne erano stati in 12.382. Il calo, evidente già dalle ore 12 (18,45% rispetto al 23,34% del primo turno), è andato consolidandosi nel corso della giornata. Alle 19, infatti, si era recato a votare solo il 40,90% degli aventi diritto (contro il 55,47% del primo turno), mentre alla chiusura dei seggi aveva votato il 60,31% degli aventi diritto contro il 74,48% del primo turno.
Con la vittoria di Ansideri, al netto di incompatibilità e nomine nella giunta, si può prevedere la seguente composizione del consiglio comunale che si insedierà prossimamente:
Maggioranza (10 consiglieri)
4 Ansideri sindaco (Catia Degli Esposti, Roberto Roscini, Mauro Timi, Giulio Provvidenza)
3 Bastia popolare (Fabrizia Renzini, Jacopo Cairoli, Francesco Fratellini)
2 Forza Italia (Filiberto Franchi, Franco Possati)
1 Fratelli d’Italia (Stefano Santoni)
Minoranza
1 capogruppo centrosinistra (Simona Carosati)
1 capogruppo Movimento 5 Stelle (Marcello Rosignoli)
4 Partito democratico (Federica Moretti, Ramona Furiani, Mirko Casagrande Moretti, Gabriella Bonciarelli)
Quanto ai componenti dell’esecutivo, la giunta dovrà essere varata entro dieci giorni come previsto dalla legge. Visti i nuovi equilibri all’interno del centrodestra risultanti dal voto elettorale, ci sono da immaginare novità anche per quanto riguarda la rosa degli assessori.






Questo è un articolo pubblicato il 09-06-2014 alle 03:46 sul giornale del 10 giugno 2014 - 2199 letture

In questo articolo si parla di politica, sara caponi, stefano ansideri, bastia umbra, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/5uT





logoEV
logoEV