Bastia Umbra: scontri allo stadio, 27enne bastiolo accusato di tentato omicidio

Polizia arresto 1' di lettura 17/07/2014 - Cinque tifosi del Bastia sono finiti in manette nelle ultime ore con l’accusa di rissa aggravata e tentato omicidio per gli scontri avvenuti lo scorso 6 aprile all’uscita dallo stadio di Bastia Umbra. Fra i cinque arrestati, c’è anche un bastiolo 27enne che, secondo gli inquirenti, avrebbe lanciato il sasso che ha colpito il tifoso del Foligno Massimiliano Antonelli, ferendolo gravemente alla testa.

Il tifoso accusato di omicidio è stato rinchiuso nel carcere perugino di Capanne. Agli arresti domiciliari per rissa aggravata - reato contestato anche al ventisettenne in carcere - sono finiti anche altri quattro tifosi del Bastia, tutti di età compresa tra i 24 e i 30 anni.
Gli scontri fra tifoserie si erano verificati dopo la partita Bastia-Foligno, valida per il campionato di serie D.
Le indagini, portate avanti dalla Digos e dagli agenti del commissariato di polizia di Assisi agli ordini del commissario capo Francesca Di Luca, coinvolgono complessivamente una decina di persone e non sono ancora concluse.





Questo è un articolo pubblicato il 17-07-2014 alle 14:31 sul giornale del 18 luglio 2014 - 1179 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, stadio, arresto, rissa, foligno, sara caponi, bastia umbra, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/7lV