Bastia Umbra: è guerra ai piccioni, in arrivo controlli e sanzioni

Piccioni 1' di lettura 30/07/2014 - Al fine di salvaguardare l’ambiente, come anche la salute umana e animale, nel Comune di Bastia Umbra sono vigenti due ordinanze che, nell’ottica della riduzione del numero dei colombi di città o torraioli (piccioni), prevedono una serie di adempimenti.

In in particolare è vietato somministrare cibo e obbligatorio provvedere alla bonifica degli immobili, in particolare quelli in stato di abbandono, attraverso chiusure e impedimenti dei posti nei quali gli stessi colombi possano nidificare.
Si ripropone all’attenzione dei cittadini il contenuto delle ordinanze affinché i soggetti interessati si conformino alle previsioni in esse contenute e si fa presente che a breve inizieranno i controlli da parte del locale corpo di polizia municipale sul rispetto di quanto in narrativa.
In calce l’art. 78 del regolamento comunale di Igiene approvato con D.C.C. n.26 del 17.04.2008 (“Misure contro la penetrazione di ratti e volatili negli edifici”), si rende noto che “in tutti gli edifici di nuova costruzione ed in corso di ristrutturazione devono essere adottati, dal proprietario, idonei interventi strutturali ed accorgimenti tecnici atti ad evitare la penetrazione dei ratti, di volatili e di animali indesiderati in genere.
Anche negli edifici esistenti devono essere adottati specifici interventi per impedire la posa e la nidificazione: chiusura con reti a maglie piccole, delle finestre di soffitte, di cantine, di solai o vespai. Nei casi di edifici di particolari conformazioni strutturali, che facilitano il concentramento di piccioni devono essere chiuse o impedite con appositi dispositivi antiposa, le superfici a maggior rischio”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-07-2014 alle 03:08 sul giornale del 30 luglio 2014 - 1274 letture

In questo articolo si parla di attualità, piccioni, bastia umbra, comune di bastia umbra