Bastia Umbra: scontri allo stadio, scattano i primi Daspo

Polizia generico 1' di lettura 18/08/2014 - Sono dieci - ma il numero è destinato a salire - gli ultrà nel mirino della divisione anticrimine della questura, che in questi giorni ha fatto scattare i Daspo ai tifosi violenti protagonisti degli scontri del 6 aprile alle porte dello stadio comunale di Bastia Umbra, al termine della partita Bastia-Foligno.

Il provvedimento, come si legge nelle colonne de Il Messaggero, è stato notificato agli interessati, che rischiano fino a cinque anni di interdizione dagli stadi con la pena afflittiva dell’obbligo di firma.
Nella maxirissa un tifoso folignate era stato gravemente ferito alla testa da un sasso lanciato da qualche tifoso. Per quell’episodio gli inquirenti hanno incriminato un 27enne di Bastia Umbra, arrestato con l’accusa di tentato omicidio insieme ad un tifoso del Foligno e altri quattro tifosi del Bastia di età compresa tra i 24 e i 30 anni, finiti ai domiciliari per rissa aggravata.
Altri tifosi di entrambe le squadre risultano indagati; anche per loro potrebbe presto scattare il Daspo.





Questo è un articolo pubblicato il 18-08-2014 alle 17:13 sul giornale del 19 agosto 2014 - 1085 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, sport, violenza, rissa, Raffaele Aristei, bastia umbra, stadio comunale, daspo, articolo, scontri allo stadio, stadio comunale bastia umbra

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/8Ff





logoEV
logoEV