Frana Ivancich, la pazienza viene meno: ''La Regione si attivi immediatamente''

Assisi panorama zona est Ivancich 1' di lettura 18/08/2014 - In linea con le sollecitazioni del comitato frana Ivancich, l’amministrazione comunale di Assisi ritiene ormai urgente che la Regione Umbria (in virtù delle nuove deleghe da commissario per i dissesti idrogeologici) dia attuazione, come concordato, all'accordo fra Regione, Provveditorato Toscana Umbria e Comune per riaprire in tempi rapidi il cantiere per il consolidamento del versante.

“Le risorse - si legge in una nota ufficiale - sono già disponibili (2.5 Milioni Euro) e spendibili per riaprire il cantiere (e altre sono in itinere), è stata individuata l'impresa appaltatrice e il progetto può essere attuato per stralci successivi (occorre realizzare i dreni che, canalizzando l'acqua verso i pozzi realizzati, prosciugano il versante e rallentano lo scorrimento, attestato a circa un centimetro all'anno).
Considerando che ci troviamo nella zona est di Assisi, non lontano dal centro storico, con circa 2000 persone che vi abitano nonché strutture pubbliche, come scuola e ospedale - prosegue la nota - riteniamo che si debba operare immediatamente. Per questo, nei prossimi giorni, sarà inoltrata dal sindaco della città una ulteriore lettera alla Regione Umbria”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-08-2014 alle 17:50 sul giornale del 19 agosto 2014 - 472 letture

In questo articolo si parla di attualità, assisi, comune di assisi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/8Fr