Assisi, vertice di pace nella basilica di San Francesco (Fotogallery)

Basilica San Francesco fiaccole 3' di lettura 13/09/2014 - Si è svolto ieri sera, nella basilica superiore di San Francesco di Assisi, un “vertice” di pace a cento anni dallo scoppio della prima guerra mondiale e alla vigilia della visita di papa Francesco al sacrario militare di Redipuglia, in provincia di Gorizia, dove il Pontefice consegnerà agli ordini militari e ai vescovi presenti la lampada di San Francesco, simbolo di pace.

La lampada "Luce di San Francesco" verrà accesa nelle rispettive diocesi durante le celebrazioni di commemorazione della Prima Guerra Mondiale. La lampada donata dal Santo Padre è offerta dal Sacro Convento di Assisi, mentre l'olio dall'Associazione Libera di Don Luigi Ciotti.
"La comunità francescana conventuale di Assisi ringrazia il Santo Padre per questo gesto di attenzione che potrà aiutare a comprendere l'importanza di essere portatori di luce e strumenti di pace", ha dichiarato padre Enzo Fortunato, direttore della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi.
La lampada è un’opera, che cerca di restituire l’essenzialità del messaggio francescano attraverso i materiali: la purezza del vetro, la forza dell’olio e la luce della fiamma. La base riporta le parole della Preghiera Semplice: “dove sono le tenebre che io porti luce”.
La Luce di San Francesco, di cui un esemplare arde presso la tomba del Santo di Assisi, richiama le parole di Tommaso da Celano: "Subito offrì denaro a un sacerdote, perché provvedesse una lampada e l'olio, e la sacra immagine ne rimanesse priva, neppure per un istante, dell'onore, doveroso, di un lume".
L’olio Extravergine di Oliva Libera Terra è prodotto con le olive che provengono dagli oliveti confiscati alle mafie in Sicilia ed in Puglia, gestiti dalle cooperative sociali aderenti al progetto Libera Terra.
In occasione della visita di Papa Francesco a Redipuglia, inoltre, i pacifisti si incontrano ad Assisi, presso la sala stampa del Sacro Convento di San Francesco, per organizzare una nuova Marcia per la pace Perugia-Assisi.
“Nei giorni scorsi, ha dichiarato Flavio Lotti, coordinatore del comitato promotore della PerugiAssisi, Papa Francesco ci ha invitato tutti a reagire contro la Terza guerra mondiale in corso e sabato, a cento anni dalla prima guerra mondiale, ricorderà le vittime di tutte le guerre. Con questo stesso spirito noi ci riuniremo ad Assisi per riflettere sulla gravità della situazione internazionale e rinnovare il nostro impegno concreto per la pace”.
Sul tema verte il seminario “Costruttori di pace”, che si è aperto ieri pomeriggio e che prosegue anche oggi, sabato 13 settembre, fino alle ore 18. Al seminario partecipano giovani, scuole, gruppi, associazioni ed enti Locali.
Al centro dell’incontro ci sono le ragioni, le proposte, gli obiettivi per lo svolgimento della Marcia PerugiAssisi del 19 ottobre 2014, partendo dalla discussione su cosa sta succedendo nel mondo e scrivendo l’agenda politica della pace.
Il seminario si conclude oggi con la definizione del programma di attività per unire la marcia di un giorno alla marcia di tutti i giorni.
Nelle foto:
il “vertice” di pace in basilica (da Rivista San Francesco, foto Mauro Berti)








Questo è un articolo pubblicato il 13-09-2014 alle 03:44 sul giornale del 13 settembre 2014 - 788 letture

In questo articolo si parla di attualità, pace, guerra, assisi, Raffaele Aristei, sacro convento, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/9Gu