Bastia Umbra: tagli del governo, la scuola di XXV Aprile slitta al 2015

Comune di Bastia Umbra 2' di lettura 20/09/2014 - Il consiglio comunale del 17 settembre 2014 ha approvato a maggioranza la variazione al bilancio di previsione 2014-2016 e al programma triennale delle opere pubbliche 2014/2016.

La variazione, illustrata nel corso della seduta consiliare dall’Assessore Roberto Roscini, è stata resa necessaria dal taglio dei trasferimenti statali per l’anno 2014 di 970 mila euro. L’ingente taglio ha come conseguenza che, per la prima volta, il Comune di Bastia Umbra non sarà destinatario di trasferimenti statali, ma dovrà invece versare allo Stato Italiano la somma di 250 mila euro.
Nel corso della relazione l’Assessore ha evidenziato le criticità e le storture della politica nazionale relativa alla distribuzione dei tagli dei trasferimenti comunali, politica che non considera a sufficienza come siano gestiti gli Enti locali ; il risultato è che vengono penalizzati i Comuni, come Bastia Umbra, che si sforzano di gestire al meglio le risorse e di contenere il carico fiscale e che, invece, vengono premiati comuni che non lo meritano.
Il taglio dei trasferimenti è stato fronteggiato con:
1) aumento delle entrate correnti per l’importo di 244 mila euro, costituite principalmente da maggiori entrate fiscale per accertamenti di imposte e da maggiori proventi derivanti dalla concessione del metanodotto.
2) riduzioni di spesa corrente per 383 mila euro costituite principalmente da rinvio delle spese stesse ad anni successivi 3) riduzione dell’avanzo di parte corrente di 343 mila euro; tali risorse che prima erano destinate al finanziamento degli investimenti vengono destinate al finanziamento della spese corrente.
La necessità di ridurre l’avanzo di parte corrente ha comportato lo spostamento della costruzione della scuola di XXV aprile nel 2015.
L’amministrazione Ansideri ha scelto di posticipare la costruzione della scuola di pochi mesi piuttosto che aumentare l’imposizione fiscale in un periodo di grave crisi economica che colpisce sia i cittadini che le imprese.
Il progetto di costruzione della scuola è definito e la richiesta di accensione del mutuo e la conseguente gara d’appalto potranno essere effettuati già nel prossimo mese di gennaio, immediatamente dopo l’approvazione del bilancio di previsione 2015.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-09-2014 alle 00:40 sul giornale del 20 settembre 2014 - 473 letture

In questo articolo si parla di economia, bastia umbra, comune di bastia umbra

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/9ZA