Bastia Umbra: Protezione Civile a scuola di 'segni' per aiutare i non udenti

1' di lettura 06/11/2014 - Portare aiuto a chi è affetto da sordità. E’ con questo obiettivo che il gruppo comunale di Protezione civile di Bastia Umbra, in collaborazione con il gruppo comunale Perusia del capoluogo umbro, promuovono il corso “A scuola di Lis - La protezione civile lascia un segno”, un progetto di formazione per consentire ai volontari di acquisire le nozioni fondamentali della lingua italiana dei segni, convenzionalmente indicata con l’acronimo “Lis”, attraverso la quale comunicare con le persone affette da sordità


Il progetto è nato in collaborazione con la sezione perugina dell’Ens (Ente nazionale sordi onlus) e la sezione umbra dell’Anios (Associazione interpreti di lingua dei segni italiana) con lo scopo di mettere i volontari nelle migliori condizioni di operare anche con persone sorde, permettendo loro di capire e farsi capire dando, così attuazione alla Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone disabili, adottata anche dall’Italia, il cui fine è proteggere e garantire l’integrità della vita. Il ciclo di formazione si articolerà nelle sedi di Bastia Umbra e Perugia in due fasi: la prima con inizio il 7 novembre prossimo, dedicata all’acquisizione delle nozioni fondamentali; la seconda con inizio in primavera, con attività da svolgere sul territorio assieme agli interpreti dei segni e loro familiari e conoscenti. Il progetto coinvolgerà decine di volontari, ancora una volta pronti a spendersi per “lasciare un segno”.






Questo è un articolo pubblicato il 06-11-2014 alle 01:34 sul giornale del 06 novembre 2014 - 342 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aaVs