Piscina e polemiche, i capigruppo di maggioranza: ''In atto campagna denigratoria''

Assisi piazza del Comune 06/12/2014 - Con riferimento al manifesto apparso giorni fa, con cui si offende gratuitamente e pesantemente la dignità e l'onorabilità del sindaco di Assisi, a proposito della piscina comunale, ci sorprende (ma non troppo) che possa passare "inosservato" un atto di evidenza pubblica come una delibera del consiglio comunale (n 63 del 31/07/2014), che prevede uno stanziamento di ben 220.000 euro per la riqualificazione della vasca olimpica e l'adeguamento tecnico-funzionale che ne permetteranno la fruibilità.

In effetti, la campagna denigratoria in atto da diversi mesi, con qualche complicità mediatica, nei confronti del candidato del nostro territorio alla presidenza della Regione, sembra più orientata da motivi politico-elettorali che da esigenze obbiettivamente condivisibili.
Già una riflessione estemporanea basta a sconfessare gli ispiratori del manifesto diffamatorio del quale la "vergogna" è da assegnare agli occulti estensori e non certo al primo cittadino di Assisi.
Quanto al numero delle mamme firmatarie chiamate in causa (mille!), esso ci conforta per la garanzia che implicitamente rappresenta per le prossime iscrizioni alla struttura, che consentiranno finalmente di chiudere la stagione estiva con i conti in ordine.
Altro argomento di polemica, in questi giorni, è stato il problema delle luminarie natalizie, sollevato dalla associazione dei Commercianti di Assisi.
Come da tempo assicurato dal Sindaco Claudio Ricci, attraverso l'assestamento di bilancio il Consiglio Comunale (in data 27 novembre u.s.), nonostante il momento di grave congiuntura, ha deliberato lo stanziamento dell'intera somma necessaria (32.000 euro) per la illuminazione natalizia del centro storico di Assisi e delle frazioni, oltreché per i concerti di fine anno.
Tale intervento, in considerazione delle pressanti sollecitazioni della Associazione Commercianti che, si spera, si dimostri ora altrettanto sollecita e determinata ad attivare almeno iniziative adeguate per contribuire ad una degna accoglienza di turisti e visitatori.

da Luigi Marini, Luigi Tardioli e Rino Freddii
Capigruppo consiliari maggioranza





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-12-2014 alle 03:54 sul giornale del 06 dicembre 2014 - 877 letture

In questo articolo si parla di politica, assisi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/acAM


Prendo atto che le luminarie verranno apposte lungo la città.
Essendo estraneo a tutta la vicenda della piscina, mi permetto solo di osservare che il Natale "arriva" da 2014 anni e che forse non bisognava attendere fine novembre per deliberare la spesa. Ulteriore rilievo é l'estremo fastidio e le difficoltà create oggi, 6 dicembre 2014 sabato, per l'installazione delle luminarie.
Il prossimo anno pensiamoci prima.

Riguardo le iniziative auspicate dai Capigruppo di maggioranza mi associo al loro desiderio, sperando che l'Associazione Commercianti si inventi qualcosa...per migliorare la situazione...qualcosa però che in un momento di contrazione come quella che stiamo vivendo, non aumenti l'OFFERTA attualmente disponibile in Assisi, ma aumenti la domanda: da cui: ma i Mercatini di Natale a chi servono??? Non certo ai commercianti di Assisi.

Meditate gente, meditate

marini marina

06 dicembre, 18:57
lasciando da parte i problemi della piscina comunali ormai annosi e speriamo in via di risolversi per quanto riguarda gli addobbi natalizi , credo fermamente che la vicenda abbia dell'incredibile. E' vero che ci si poteva pensare prima ma in questo momento con la festa dell'8 dicembre forse Assisi ai turisti apparirà come la città meno adobbata dell'Umbria..e non è bello . Quello che mi sconcerta è che l'Amministrazione 32.000 € poteva spenderli in cose diverse e più urgenti e necessarie in questo momento di crisi e che i Commercianti potevano benissimo tirare fuori €100,00 € per gli addobbi tra l'altro a loro favore e nel loro interesse ...non rappresentano neppure 1,00 € al giorno !! per un anno !! Un caffe? E' una vergogna e poi magari spendono altrettanto per lo spumante a casa !

Rino Freddii

07 dicembre, 00:20
Ricordo a tutti e a me stesso che nonostante il taglio (imposto dal Governo Renzi negli ultimi 4 mesi) dei trasferimenti statali per oltre 1 milione e 200 mila euro non abbiamo aumentato nessuna tassa e tariffa. Anzi, nello stesso periodo siamo riusciti (tra le altre numerose cose) a deliberare i finanziamenti per le luminarie e la piscina, oltre a destinare 60 mila euro per lo sviluppo e la ristrutturazione finanziaria delle aziende in difficoltà. Credo (spero di sbagliarmi) che il prossimo anno difficilmente si possa fare altrettanto visti gli ulteriori tagli annunciati dal Presidente Renzi. Meditate gente, meditate!!!!!!!!!!!!!!!