Piscina comunale, Paoletti: ''L'ennesima presa in giro per tutti i cittadini''

Leonardo Paoletti 3' di lettura 10/12/2014 - Non è accettabile l'atteggiamento stizzito dei capogruppo della maggioranza in difesa del sindaco Ricci, nel rispondere alle mamme di Assisi. Pensare che attraverso il manifesto uscito in questi giorni ci sia la volontà di denigrare l'immagine del sindaco e di chi lo sostiene, senza andare oltre guardando alla rabbia espressa dalle mamme di Assisi, significa rimanere insensibili e ciechi al disagio che la nostra città vive da ormai troppo tempo.

Promesse fatte e non mantenute, come è tipico di questa amministrazione, e per l'ennesima promessa fatta c'è stata una decisa reazione che sottolinea quanto i cittadini siano stanchi delle sole promesse senza vedere fatti concreti.
Non reggono più i proclami del sindaco che afferma di avere fatto oltre 4000 opere pubbliche, tutti sanno che sono opere che appartengono al passato, da lui spesso solo inaugurate.
Si pensa veramente che con lo stanziamento previsto per i lavori di riqualificazione della piscina, pari a 200.000 euro tra l'altro lavori ancora da appaltare, si possa far tornare in funzione l'intero impianto per la prossima estate? Forse saranno sufficienti per la sola vasca, ma non garantiranno di certo l'efficienza della struttura.
Qualsiasi finanziamento inferiore al milione di euro è solo un'ulteriore presa in giro per tutti i cittadini.
Una struttura storicamente utilizzata da cittadini, ma anche da quei turisti che prolungano la loro permanenza in città, vista l'impossibilità da parte delle strutture alberghiere di realizzare una piscina all'interno delle proprie strutture, merita assolutamente un ampio progetto di riqualificazione utilizzando fondi comunali (tassa di soggiorno) e risorse private.
Per fare questo è necessario applicarsi, studiare strategie per la città che sembra in questo momento siano passate in secondo piano rispetto agli interessi elettorali del sindaco Ricci.
Non si permettano pertanto i capogruppo di far transitare che il rammarico è la rabbia delle mamme assisane, e di tanti cittadini che le sostengono, per una campagna denigratoria verso il sindaco e la sua maggioranza; è solo il grido disperato di chi oggi più che mai si rende conto di essere abbandonato a se stesso.
Mi permetto, infine, di aggiungere poche righe che avvalorano la tesi dell'abbandono, sulla vicenda delle luci di natale. Abbiamo trascorso il ponte dell'Immacolata tra molti turisti e tra operai (a quali va rivolto un plauso per l'impegno dimostrato) che si prodigavano affannosamente per il montaggio delle cosiddette luci natalizie, purtroppo creando un notevole disagio alla circolazione, anche pedonale, offrendo ai turisti presenti l'immagine di una città in grande affanno. Se si aggiunge l'inadeguatezza delle luminarie paragonabili a quella di un circo di periferia, il risultato finale non può che essere assolutamente insufficiente, soprattutto per una città che aveva ambizioni di candidatura a Capitale Europea della Cultura.
Se invece di creare polemiche con la Confcommercio di Assisi l'amministrazione avesse programmato per tempo prevedendo fondi necessari a realizzare una decorosa illuminazione, forse oggi non ci troveremmo la città con un addobbo indecoroso, tardivo e di pessimo gusto.
Guardando gli addobbi di Perugia fa rabbia pensare a quanto non è stato fatto ad Assisi, città che dovrebbe vivere di turismo.
Per avere un briciolo di atmosfera natalizia bisogna ringraziare AssiCity con la realizzazione dei mercatini nella piazza del Comune e Piazza S Chiara, e molti commercianti che in piena autonomia hanno allestito gli ingressi delle proprie attività, ma attenzione, colmo dei colmi, potrebbe passare un vigile urbano a fare multe perché non conformi all'arredo urbano...

da Leonardo Paoletti
Consigliere comunale Assisi




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-12-2014 alle 02:36 sul giornale del 10 dicembre 2014 - 687 letture

In questo articolo si parla di assisi, piscina comunale, leonardo paoletti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/acIb


Posto il commneto fatto per l'articolo dei Capigruppo.

Prendo atto che le luminarie verranno apposte lungo la città.
Essendo estraneo a tutta la vicenda della piscina, mi permetto solo di osservare che il Natale "arriva" da 2014 anni e che forse non bisognava attendere fine novembre per deliberare la spesa. Ulteriore rilievo é l'estremo fastidio e le difficoltà create oggi, 6 dicembre 2014 sabato, per l'installazione delle luminarie.
Il prossimo anno pensiamoci prima.

Riguardo le iniziative auspicate dai Capigruppo di maggioranza mi associo al loro desiderio, sperando che l'Associazione Commercianti si inventi qualcosa...per migliorare la situazione...qualcosa però che in un momento di contrazione come quella che stiamo vivendo, non aumenti l'OFFERTA attualmente disponibile in Assisi, ma aumenti la domanda: da cui: ma i Mercatini di Natale a chi servono??? Non certo ai commercianti di Assisi.


Meditate gente, meditate

E' entusiasmante vedere come viene seguito questo giornale online. Tutti zitti, allineati e probabilmente senza tempo di rispondere o senza idee per farlo.
Diamoci una svegliata, noi assisani perché stiamo consegnando la Città non so a chi.