L'Ainc e il teatro San Carlo di Napoli insieme per i ragazzi del Serafico

Istituto Serafico Assisi 29/12/2014 - Oggi pomeriggio, lunedì 29 dicembre 2014 alle ore 17.00, “Il San Carlo per il Sociale” dedica la prova generale del celebre balletto Lo Schiaccianoci a sostegno dell’Istituto Serafico di Assisi per finanziare un importante progetto di Arteterapia, in grado di arricchire il percorso di cura e riabilitazione di bambini e ragazzi con disabilità plurima.

“Siamo molto orgogliosi di essere parte del programma del Teatro San Carlo: un’occasione di solidarietà importante” dichiara la Presidente del Serafico Francesca Di Maolo, “l’Arte-terapia oltre a stimolare le loro abilità e potenzialità fisiche è un veicolo fondamentale per comunicare e favorire la relazione con gli altri, che per i nostri bambini e ragazzi è la vera differenza tra sopravvivere e vivere”. Il Serafico, fondato nel 1871 da San Ludovico da Casoria e sede dell’Associazione Italiana Notai Cattolici, accoglie e cura oltre 150 bambini e ragazzi provenienti da tutta Italia. Oggi è considerato un centro d’eccellenza nel nostro Paese per l’alta qualità dei servizi, la competenza del personale e il forte spirito umanitario che lo anima.
I bambini e i ragazzi con disabilità plurime vivono una situazione caratterizzata da scarse abilità comunicativo-relazionali e di esplorazione dello spazio, e sono penalizzati da una grande carenza di stimolazioni sensoriali e di opportunità di apprendimento, quindi di crescita. L'attività di riabilitazione attraverso l’arteterapia, inserita in un percorso terapeutico multidisciplinare, intende massimizzare la qualità della vita e favorire l’espressione delle potenzialità in quanto stimola tutto il potenziamento delle capacità prassiche, delle abilità ricettive e produttive dell’area comunicativo – relazionale, di alcuni aspetti cognitivi, come l’attenzione e la memoria e agevola il rafforzamento dell’io e dell’autostima anche attraverso l’integrazione con i coetanei. Il linguaggio dell'arte diventa il tramite attraverso cui strutturare aspetti psico-affettivi/emotivi e socio-
relazionali e allo stesso tempo migliorare le capacità funzionali ancora residue. L’arte può motivare in modo molto importante, poiché ci si riappropria, materialmente e simbolicamente, del diritto naturale di produrre un’impronta che nessun altro potrebbe lasciare, attraverso la quale esprimiamo la scintilla individuale della nostra umanità.
Il progetto prevede nello specifico: l’assunzione di un esperto terapeuta in arti grafico – pittoriche, manipolative - plastiche e corporeo espressive, che svolga un laboratorio di 24 h settimanali. Lo scopo principale sarà quello di potenziare l’attuale laboratorio di arte terapia dell’Istituto Serafico, con una risorsa umana esperta in arte terapia che affianchi e implementi l’attuale lavoro svolto dagli operatori dell’Istituto.
Inoltre il servizio, inserito in un percorso terapeutico multidisciplinare, sarà aperto al territorio, quindi a tutti i bambini e ragazzi con grave disabilità che vogliano usufruirne.
Il costo per l’assunzione di un arteterapeuta professionista per un anno e l’acquisto dell’attrezzatura è di € 40.000.
Per acquistare i biglietti:
Francesca Tesauro Tel. 081/7972310 e-mail: promozionepubblico@teatrosancarlo.it.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-12-2014 alle 03:51 sul giornale del 29 dicembre 2014 - 514 letture

In questo articolo si parla di attualità, assisi, istituto serafico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/adrl