Tunnel ex cave, Paoletti: ''Opera faraonica: meglio il percorso meccanizzato''

Leonardo Paoletti 3' di lettura 09/04/2015 - Si legge nei giornali dei giorni scorsi la proposta dell'amministrazione comunale di realizzare un tunnel che possa collegare la zona delle ex cave da via Albornoz alla Piazza del Comune, creando così una connessione diretta tra una zona che potrebbe essere area d'approdo turistico per il centro della città.

La proposta uscita recentemente è stata anche discussa nello scorso Consiglio Comunale, dove ho avuto modo di esprimere le mie forti perplessità su tale idea che risale addirittura agli anni sessanta, su proposta dell'Architetto Astengo e dalla amministrazione allora in carica, a seguito della redazione del primo Piano Regolatore della Città.
In primo luogo il tunnel avrebbe una sua logica e un motivo di esistere soltanto se realizzato unitamente alla previsione dell'allora Piano Regolatore Generale, che prevedeva la "famosa" Circonvallazione Nord, per chiarezza la strada che avrebbe collegato l'ingresso alla città di Assisi da Ponte S Vittorino, proprio sino alla zona delle ex cave, baipassando le due circonvallazioni alleggerendo così la viabilità dal traffico pesante proveniente dalla strada di Campiglione e diretto verso la SS 444 in direzione Gualdo Tadino. Opera questa direi quantomeno impegnativa, sia sotto il profilo economico che ambientale, visto che andrebbe a toccare uno dei versanti panoramici più suggestivi del nostro territorio.
Realizzare il lavoro del tunnel, senza far arrivare importanti quantità di turisti con autobus e macchine sarebbe uno spreco di risorse pubbliche, infatti la zona delle ex cave risulta chiusa da due accessi, Porta S. Giacomo e Porta Perlici, che impediscono l'accesso agli autobus turistici. Senza pensare a quali importi economici si dovrebbero stanziare, e soprattutto reperire per due opere di tale portata.
Ho proposto, sempre durante quel Consiglio Comunale, di prevedere in alternativa la realizzazione di un percorso meccanizzato/ascensore panoramico, che potrebbe, anche con modeste risorse economiche, portare attraverso il parcheggio dell'ex tirassegno, molti turisti alla Rocca Maggiore da dove, con un "effetto a pioggia", potrebbero scendere al centro della città occupando sia la parte alte, che quella centrale sino all'area della Basilica di S Francesco, coprendo l'intero centro storico, per poi ripartire raggiungendo proprio lo stesso parcheggio dell'ex tirassegno. Un' opera interessante che creerebbe attrattiva anche per lo splendido panorama di cui si potrebbe godere utilizzando il percorso meccanizzato/ ascensore.
Altro effetto positivo sarebbe quello di consentire una maggiore accessibilità alla Rocca per il trasporto di apparati tecnici per la realizzazione di spettacoli e concerti di varia natura durante il periodo estivo. Oggi più che mai è indispensabile proporre progetti realizzabili, che abbiano braccia e gambe, senza illudere i cittadini con voli pindarici che non trovano poi riscontri concreti a causa della carenza di risorse. Stesso discorso vale per la terrazza panoramica in via S Paolo, anche questo un progetto irrealizzabile.
In occasione del rifacimento delle infrastrutture a rete e della pavimentazione, si provo a realizzare tale opera ma ci fu un stop categorico da parte dei proprietari sottostanti, che avrebbero dovuto autorizzarne la realizzazione consentendo l'allargamento della strada in aggetto sulla propria proprietà concedendo l'uso del soprassuolo, consenso negato, e se mi posso permettere anche comprensibilmente, vista la forte invasione che si sarebbe verificata nel giardino sottostante di loro proprietà. È comprensibile si voglia con proclami faraonici attirare l'attenzione per creare consensi, ma è pur vero che esiste un limite oltre il quale sarebbe opportuno non andare per semplice onestà intellettuale”.

da Leonardo Paoletti
Consigliere comunale Assisi




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-04-2015 alle 11:00 sul giornale del 10 aprile 2015 - 912 letture

In questo articolo si parla di politica, assisi, leonardo paoletti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ahOi