Ufficio postale di Viole, i cittadini: ''No alla riduzione dell'orario”

Poste Italiane generico 1' di lettura 13/08/2015 - “No alla riduzione dell’orario di servizio dell’ufficio postale, decisione unilaterale presa solo guardando a criteri di bilancio”. Così il Comitato Pozzolo di San Vitale, nella sua riunione dello scorso 11 agosto, grida a gran voce ed interviene sulla decisione di Poste Italiane riguardante l’ufficio di Viole di Assisi, che nelle indicazioni delle Poste Italiane resta aperto solo due giorni a settimana.

“Siamo decisamente contrari a questa decisione – si legge nella nota del comitato – per l’organizzazione territoriale di un servizio che proprio nelle frazioni a scarsa densità abitativa, più lontane dal centro con un’età media di popolazione più avanzata, assume ancora di più un ruolo sociale.
Vogliamo ricordare – sottolinea il portavoce del comitato Cosimetti – che già qualche anno fa, quando si paventava la chiusura definitiva dell’ufficio postale di Viole di Assisi, il comitato s’impegnò insieme alla comunità per impedire che venisse tolto un servizio fondamentale per i cittadini e per le aziende della zona, inviando delle proposte in sinergia con l’amministrazione pubblica, e che tutt’oggi serve anche parte dei cittadini di Assisi, Capodacqua di Assisi e nel periodo stagionale il turismo diretto ad Assisi e di transito verso Spello.
Oggi siamo nuovamente a chiedere un impegno per scongiurare una situazione che creerebbe grandi disagi. La speranza è che Poste Italiane riveda i criteri di tutela degli utenti del servizio postale universale, con particolare attenzione a quelli che abitano in zone importanti come la nostra frazione”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-08-2015 alle 03:25 sul giornale del 13 agosto 2015 - 539 letture

In questo articolo si parla di attualità, poste italiane, assisi, san vitale, viole, comitato pozzolo san vitale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/am9O